Monza, Concorso Internazionale della Rosa 2014: serpeggia la contestazione

roseto_monza14_520

“Sempre la solita”, “Gia’ vista”, “Colori insulsi”… Oltre ai complimenti, nelle valutazioni delle rose che vengono premiate ogni anno al Concorso Internazionale della Rosa a Monza, a volte si sentono anche questi commenti da parte di chi ne sa un pochino di più dell’argomento. Ma quest’anno per la prima volta da quando Fiori&Foglie ha iniziato a seguire il Concorso, i premi attribuiti alle varietà in gara hanno sollevato fiera ribellione: una vivace contestazione da parte di una delle persone più preparate ed esperte sull’argomento, Tina Ponzellini, curatrice delle potature del Roseto “Niso Fumagalli” in cui si svolge il Concorso. Pietra dello scandalo il primo e il secondo premio come rosa da taglio (categoria HT) e il primo premio delle rose a mazzi – tutti premi vinti dai “soliti” francesi grazie agli ibridatori Michèle Richardier e Alain Meilland.

2premio_htLa varietà premiata come seconda più bella rosa da taglio, denominata “MEIceycour”, in particolare è una rossa che però oggi si presentava davvero male: Tina fa notare ai presenti come su 4 esemplari in aiuola in almeno 2 tutti i fiori portino il capo reclinato e metà delle piante denuncino una scarsa vigoria. Caratteristiche queste incompatibili con un premio di questo valore, in cui la rosa da taglio deve distinguersi appunto per il portamento rigido ed eretto (le corolle infatti dovrebbero essere parte di un mazzo di fiori recisi che non possono “guardare in giù”!) vista la forte spinta vegetativa.

Persino il vincitore italiano del primo premio della categoria “Rampicanti”, Davide Dalla Libera, esprime delle forti perplessità sull’attribuzione dei premi, rivendicando una delle rose da lui presentate come sicuramente migliore della prima classificata nella categoria delle rose a mazzo (Floribunde), vinta sempre da una rossa, la ‘Bright Meilove’ di Alain Meilland. Anche questa non convince la Dott.ssa Ponzellini, che ne denuncia la statura troppo bassa, non conforme ai canoni richiesti da una rosa a mazzo. Sconfortata l’esperta, a caldo dopo la premiazione commenta, osservando le targhe: “Questi premi non rispettano i criteri sulle rose che abbiamo cercato di insegnare per anni”.

Serpeggia l’idea che possa esserci stato un errore nel conteggio dei voti della giuria, o quella permanente (che pesa per il 60% sulla votazione finale) o quella internazionale. Gli organizzatori decideranno forse di rivedere le attribuzioni ora che i premi sono stati già consegnati con tanto di targa?

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *