Tutti i colori della Stella di Natale: se ne vendono più di 10 milioni

 

Oltre 10 milioni di piante di Stelle di Natale sono state vendute durante questi giorni che preannunciano le feste natalizie. I prezzi, informa Coldiretti, partono dai 2 euro per piantine molto piccole, per passare ai 5 euro dei vivai sino a 15-20 euro per quelle più grandi in vaso, che sono anche quelle più richieste. Ma esistono anche Stelle di Natale in versione “deluxe”, ad alberello oppure in composizioni particolari: in questo caso i prezzi possono raggiungere anche i 150 euro. Solitamente le Stelle mettono in mostra foglie rosse, ma possono essere anche di molti altri colori. Negli ultimi anni anzi, sono state create oltre 120 nuove varietà di Stelle di Natale di tantissime tonalità: rosa, fucsia, screziate, diventate decisamente più popolari, e ormai facili da trovare in abbondanza sui banchi dei garden center. Le più nuove? Bianco candido e rosa antico:  potete ammirarle nella gallery allegata!

Tanto trionfo di colori non deve farci dimenticare che i veri fiori della Stella di Natale, pianta originaria del Messico, sono in realtà i bocciolini di colore giallo all’interno, mentre le parti colorate non sono altro che foglie modificate (dette “brattee”) che assumono tale colorazione in particolari periodi dell’anno. Persino la forma di queste foglie è stata oggetto di selezione: ne esistono varietà in cui le brattee sono arricciate (‘Ruffled’), quindi ogni apice prende la forma di un’elegante rosetta.

LA STELLA DOPO LE FESTE
Passate le feste, la nostra Stelle di Natale può attendere il periodo primaverile in casa in un angolo vicino alla finestra e Coldiretti consiglia, all’arrivo della bella stagione, di effettuare una potatura vigorosa e collocarla in terrazzo. La riporteremo in casa il prossimo anno, verso ottobre-novembre, in un ambiente poco luminoso al fine di facilitare la crescita di nuove foglie e di nuovi rami. Per consentire la “rifioritura”, ci segnala Coldiretti, importante la concimazione: la Stella predilige fertilizzanti a base di potassio e fosforo, soprattutto nel periodo autunno invernale.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *