120 proprietari e curatori di giardini storici si incontrano nel cuore verde di Milano

Ieri, giovedì 26 maggio, presentazione alla stampa dell’anno 2016 della Grandi Giardini Italiani, circuito di giardini creato da Judith Wade che comprende e promuove più di 100 giardini storici del Belpaese. Per l’occasione si sono incontrati all’Orto Botanico di Brera, “giardino segreto” nel centro di Milano, 120 tra proprietari, direttori, amministratori e curatori di ville e dimore storiche (tra cui Mauro Felicori, battagliero direttore della Reggia di Caserta) che rappresentano una parte vitale quanto misconosciuta della tradizione del nostro paese. Un evento glamour certamente (qui la diretta su Instagram di Fiori&Foglie), ma carico di un’importanza curiosamente riconosciuta soprattutto da persone che in Italia non ci sono neanche nate… Continua a leggere

Dry garden: piante e fiori belli con meno acqua

dry_garden520

Meno consumo d’acqua: la direzione verso cui si stiamo muovendo è questa, come conferma anche il giardino premiato al Chelsea Flower Show 2016. I cambiamenti climatici ci obbligano a ripensare i nostri spazi verdi, siano essi giardini o terrazzi, in particolare mettendo in questione alcune scelte classiche. Una su tutte? Il prato, grande consumatore di acqua nei giardini, e le piante da fiore che nei ristretti vasi su balconi  e terrazzi soffrono mortalmente la sete appena il caldo comincia a insistere sulle città. La nostra scelta delle piante deve dunque cambiare: pensiamoci ora, prima che arrivi il caldo africano! Questo tipo di approccio al verde si chiama “dry gardening” e non implica necessariamente sacrificare bellezza, anzi: secondo gli esperti di Viridea, può tradursi in una scelta di stile e designContinua a leggere