Fiori e sangue: la guerra a Damasco uccide anche le rose

olio_rosa_damascena520

Il suo profumo è leggendario, ma ora si mischia con il fumo acre delle esplosioni in una città martoriata da una lunga guerra. La rosa di Damasco, coltivata nei campi e parte profonda della cultura siriana, sta accusando l’assenza delle famiglie che se ne prendevano cura. Petalo per petalo, al fine di estrarre la preziosa essenza,  la rosa damascena veniva raccolta a mano all’alba. Frutto di duro lavoro,  dai sacchi di delicati petali si distillano olii essenziali, cosmetici, terapeutici e acqua di rose, che in tutto il Medioriente viene utilizzata come bevanda rinfrescante, aroma per i dolci, aggiunta negli incensieri delle moschee e usata per augurare buona fortuna ai matrimoni. Ma coloro che raccoglievano le corolle adesso fuggono dalla guerra verso altri paesi: impossibile occuparsi delle rose nei campi martoriati, senza alcun riparo dalle bombe.

cesto_petali_rosadamascena5

rosa_damascena250

Rosa damascena

La terra coltivata intorno a Damasco è diminuita di oltre la metà e per produrre un chilo di olio essenziale di rosa occorrono ben tre tonnellate di petali essiccati, che fioriscono in questi mesi nei rosai vessati da fuoco e dai colpi. La rosa damascena fa parte della vita siriana: cresce nei campi come nei balconi, nelle strade e nei luoghi di culto. Dalla forma ben diversa dalla tipica rosa dei fioristi, la damascena è la rosa antica più ricca di profumo, che nei suoi fiori è composto da più di 400 sostanze aromatiche. Prima della guerra i commercianti libanesi venivano a Damasco ad acquistare tonnellate di preziosi petali per esportare la profumata merce in Europa, ma ora tutto questo è gravemente a rischio.

La coltivazione della rosa damascena, che sosteneva l’economia di tante famiglie di antiche profumerie, ora sta crollando: una tradizione dai tempi delle Crociate che potrebbe non sopravvivere al durissimo conflitto che in cinque anni si stima abbia ucciso più di 270mila persone.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Fiori e sangue: la guerra a Damasco uccide anche le rose

  1. quando l’uomo capirà che non servono le guerre ,e che possono solo distruggere ,quel giorno sarà la fine del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *