Funerali ad Amatrice, il don fa togliere i fiori delle autorità

funerali_amatrice520

Quattro grandi corone di fiori in rappresentanza dello Stato inviate dal premier Renzi, dal presidente del Senato, dalla sindaca di Roma e dal governatore della Regione Lazio: per loro secondo Don Fabio Gammarota non c’era posto nella tenda-chiesa allestita per la celebrazione dei funerali delle vittime del terremoto di Amatrice. E non è tanto una questione di spazio. Le corone istituzionali giunte dalle autorità per l’occasione sono evidentemente sembrate stonate al giovane parroco. Intervistato dal quotidiano La Repubblica, Don Fabio dichiara: “Ho fatto levare quelle corone, sembravano degli sponsor“.

Dalle parole del prete trasuda la rabbia contro le istituzioni: “Il giorno dopo il fiore è già morto, invece i problemi restano. In un funerale come questo il profluvio di corone costa migliaia di euro. Una sola va dagli ottanta ai quattrocento, soldi buttati. Perché chi ha firmato quegli addobbi floreali non ha fatto un assegno di pari valore?” e sulla sincerità degli omaggi floreali contesta: “Se uno vuole fare un omaggio, abbellire una chiesa, non deve poi firmare quell’omaggio, mettere il cartello“. Le corone di fiori delle autorità sono dunque finite fuori durante la gremita e dolente cerimonia funebre, ben lontani dall’altare.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Funerali ad Amatrice, il don fa togliere i fiori delle autorità

  1. Buonasera
    La scelta fatta da Don Fabio, mi trova totalmente d’accordo. Il compito del Governo quando succedono fatti del genere, dovrebbe essere uno solo. L’impegno concreto, verso delle persone che hanno perso tutto. Fiori e corone, non servono a nulla, servono i fatti. Ci sono bambini, donne, anziani e molti altri da sistemare, prima che arrivi l’inverno. Pensare che possano passare la stagione più fredda dell’anno, all’interno di una squallida tenda è pura follia. Ma conosciamo ormai da troppo tempo, come funziona la politica in Italia. Sporca e corrotta. Non fa mai nulla per chi ha bisogno, senza un proprio tornaconto. Sono convinto che le persone colpite dal terremoto, presto se ne accorgeranno. Ho un grande rispetto per gli Italiani, cosa che non ho, per la politica. Buona serata.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *