Piante e fiori sul palco, la Botanica diventa uno show

pianta_cuore520

Si chiama proprio così, “Botanica”, il curioso live gratuito che andrà in scena sabato 17 settembre al Teatro Dal Verme di Milano alle 21.30 dove saliranno sul palco dei performers molto particolari: 4 musicisti, uno scienziato e un’azienda. Sarà infatti il collettivo artistico dei Deproducers (Vittorio Cosma, Riccardo Sinigallia, Gianni Maroccolo, Max Casacci), Stefano Mancuso, direttore dell’Istituto di Neurobiologia vegetale e Aboca, noto brand di prodotti fitoterapici, a porre sotto i riflettori di un teatro le piante e la scienza in un racconto che vuole essere originale e coinvolgente, uno spettacolo che intende unire emozioni e contenuti all’insegna del verde.

aseminarlabuonapianta200L’esibizione live multimediale grazie a testi, musiche, videoproiezioni e scenografie originali, vuole raccontare al pubblico gli orizzonti scientifici più avanzati, le scoperte più intriganti e sorprendenti che l’universo delle piante ci sta rivelando negli ultimi anni. Le piante respirano, crescono, si nutrono, misurano il tempo e non solo: incredibilmente, provano emozioni, e con i loro meccanismi ci propongono modelli innovativi. Lo show “Botanica” ci porta in un mondo futuro che però è già qui, nel nostro presente, dove i vegetali non sono decorazione ma elemento basilare ben più vitale: una parte attiva e reattiva del pianeta, la cui esistenza è condizione imprescindibile per la vita umana, e fonte di un nuovo modo di concepire la nostra evoluzione.

Lo show “Botanica” è parte della kermesse A Seminar #labuonapianta – “Noi, le piante, la natura, l’ambiente” – che si svolge a Milano il 16-17-18 settembre con eventi e incontri all’Orto botanico di Brera con la domenica 18 dedicata a giochi e laboratori sulla natura per i più piccoli, alla scoperta delle piante dell’orto, degli insetti, con “caccia alla pianta” e manipolazioni di profumi solidi e unguenti floreali.

Il sito della kermesse: www.labuonapianta.it

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *