Parchi pubblici insicuri: il verde delle città deve cambiare?

parco_pubblico_ragazza510A Chiari, in provincia di Brescia, è stata violentata una ragazza di 22 anni: lunedì è stata trascinata in un parco pubblico e stuprata da tre ragazzi poco più grandi di lei. La vicenda è simile a molte altre e i luoghi scelti per queste aggressioni sono spesso i parchi pubblici delle città, dove è più facile non farsi notare. Riflettendo su questo dato, mi chiedo come potrebbero essere più sicuri gli spazi verdi destinati ai cittadini? Ed è davvero questo il verde di cui sentiamo il bisogno nelle nostre città?

Certo, partiamo dal presupposto che la violenza non ha bisogno dei parchi per essere consumata: l’aggressore può avvalersi di una via deserta come dell’androne di un condominio. Però il tema della sicurezza nei parchi è centrale per la loro frequentazione. E forse i parchi – almeno per come li realizziamo ora – non possono garantire una protezione efficace.

Recintarli sarebbe un’idea, ma a quel punto non sarebbero più liberamente accessibili e comunque richiederebbero del personale ad aprire e chiudere i cancelli. Le telecamere potrebbero essere una risposta, ma richiedono manutenzione e non impediscono le aggressioni. A questo punto forse l’unica possibilità è cambiare la nostra concezione di parco pubblico e con lei anche quella di verde pubblico. Non più un’area unica con prati piante, alberi, aiuole panchine e fontanelle, vista spesso come fonte di spesa, ma qualcosa di più integrato alla vita cittadina. E quindi presidiato dall’attività, anche commerciale, delle persone.

Il parco insomma dovrebbe diventare un luogo abitato, denso di opportunità, non una terra di nessuno destinata solo a piante e fiori, ma luogo di attività agricola, didattica, sportiva, turistica, sociale, legata alla ristorazione o altro, di una tipologia che si sposi al meglio con l’elemento vegetale e paesaggistico. Il parco dovrebbe allungarsi nei quartieri, penetrare nelle piazze e nei condomini. Insomma, passeggiare o attraversare un parco pubblico non dovrebbe darci pensiero (anzi!) né tantomeno mettere a rischio la sicurezza delle donne.

Per l’ex-area Expo si sta parlando di “verde diffuso” invece che di un’area destinata interamente a parco. Potrebbe essere una risposta? A volte persino dove esiste un parco importante come quello di Monza, nella città poi il verde sparisce, riducendosi a poco, come se il parco bastasse. Siamo sicuri che sia così? Che ancora il verde come “riserva”, ghettizzato in città nelle parti meno commercialmente rilevanti, o ridotto a triste aiuola senza cure – sia il verde che vogliamo?

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Parchi pubblici insicuri: il verde delle città deve cambiare?

  1. Bell’articolo, secondo me un parco oggi deve essere un luogo di svago e specialmente la sera deve essere adatto per farci attività fisica o una passeggiata romantica. Penso che la soluzione migliore sia installare delle telecamere sui lampioni e tra l’altro stavo vedendo qui http://www.saisystem.it/ che esistono numerosi kit. Sto per installare una telecamera a tutto tondo anche nel mio giardino, qualcuno sa consigliarmi se è un buon sito dove fare acquisti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *