Pochi soldi, il Sindaco del Cremonese pota gli alberi di persona

potatura_faidate510Ha deciso di provvedere lui stesso e con l’aiuto di un assessore, si è armato di motosega e ha potato di persona le piante del parco del Comune. Il primo cittadino, nello specifico il Sindaco di Gombito, piccolo comune del Cremonese, si è infatti improvvisato potatore a causa delle magre finanze dell’amministrazione. Ma la mossa non è passata inosservata: denunciati dall’opposizione, i due sono stati multati per la somma di 3mila euro in quando hanno agito su piante di proprietà comunale senza aver sostenuto i corsi di formazione previsti per questa attività. Ma in questi giorni ecco la levata di scudi dell’Anci, l’associazione nazionale comuni italiani, che scrive una lettera in difesa del “sindaco potatore”…

“(…) Ogni giorno – scrive l’Anci – gli amministratori devono scontrarsi con una mentalità burocratica. Nel frattempo le buche si allargano, l’erba cresce e i rami delle piante si ingrossano diventando più pericolosi. Ed un sindaco non ha nessuno a cui delegare la risoluzione del problema. Ciò che è accaduto al sindaco del Comune di Gombito, paese di 700 abitanti in provincia di Cremona, è proprio questo, ovvero un amministratore, mosso dal solo senso civico che, nel suo giorno libero, imbraccia gli attrezzi per potare qualche pianta non pensando che al bene dei suoi concittadini”.

L’Anci ha inviato la sua lettera al ministro per gli Affari regionali, al presidente della Regione Lombardia, al direttore dell’Inail di Cremona e al prefetto. Però tanta indignazione è difficile da spiegare. Il sindaco non potrebbe ottenere lo stesso consenso se, dalla sera alla mattina, pensasse di scrivere ricette come medico i suoi concittadini (per sostituire i costosi servizi sanitari) oppure di progettare strade pubbliche come fosse un ingegnere – risparmiando sui costi delle perizie… Il problema è che, in totale buona fede, farebbe danno in quei ruoli per cui non ha alcuna preparazione esattamente come ne ha fatti sugli alberi che ha potato.

Intervenire sugli alberi senza quel bagaglio di informazioni che indica se (prima di tutto), dove e come tagliare – un sapere che si acquisisce con studio, approfondimento ed esperienza – è l’origine di tutti i danni che il verde pubblico paga poi con gli extracosti che finiscono sulle spalle dei cittadini. Potare le piante non è solo tagliare del legno usando il buonsenso: è qualcosa di molto più complesso. I tagli errati possono pregiudicare la salute della pianta, un essere vivente, e, cosa ben più pericolosa, la sua stabilità. Non per niente esiste la figura dell’arboricoltore, professionista deputato a questo mestiere: a che servirebbe se chiunque potesse eseguire questo compito? Per non parlare dei criteri obbligatori di sicurezza personale che di sicuro i due volenterosi non hanno applicato.

In definitiva un gesto pur comprensibile umanamente stimolato dalla difficile congiuntura economica può trasformarsi purtroppo in un ulteriore aggravio di costo per la comunità e in definitiva, in una potenziale minaccia per chi frequenterà quel parco pubblico.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Pochi soldi, il Sindaco del Cremonese pota gli alberi di persona

  1. Siamo proprio messi male!!!!
    Io non credo che un Sindaco che si rispetti…possa potare un albero senza nemmeno l’aiuto di UNA SOLA persona competente e poi vorrei proprio vedere come ha tagliato tali alberi! Non posso credere che lo abbia fatto rischiando la vita di coloro (suoi concittadini) che si recheranno al Parco a rilassarsi!!!!!!

  2. Ha cercato di risolvere un problema.
    se si fosse messo in modo anche qualcun altro che gli spiegava come fare non avremmo letto i commenti sotto.
    Sempre facile criticare.

  3. Buonasera
    Questo paese, non lo salveremo più. Indipendentemente dalla politica, questo Sindaco è da elogiare. Se le casse del Comune sono vuote, i cittadini invece di contestare stupidamente e denunciare l’accaduto, avrebbero dovuto dare la mano a un uomo, che ha cercato di fare qualche cosa per la collettività. Ma come ben sappiamo, l’intelligenza negli Italiani è una cosa difficile da trovare. Se così non fosse, non saremmo ridotti in questo modo. Trovare un punto d’incontro, costruttivo e utile è una cosa praticamente impossibile. Le uniche due cose che ci contraddistinguono, sono l’ipocrisia e la critica.
    Cordialmente.

    • Uhm Marco, in linea di massima sono d’accordo con te quando succede in ambiti di cui ci possiamo occupare tutti senza far danni. Purtroppo non è il caso degli alberi. Sarebbe bastato che il Sindaco si fosse fatto affiancare da un arboricoltore, così da sapere dove e come tagliare. Considerato che non affideremmo mai a qualcuno senza competenze la cura del nostro cane, perché trovi giusto farlo con un albero che, se non correttamente trattato, può anche caderti addosso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *