Bruciata una delle palme di Piazza Duomo

E’ successo a Milano durante la notte appena trascorsa. Lo scrive con un post sul suo profilo Facebook Elena Grandi, Vicepresidente del Municipio 1 e Assessore al Verde e Arredo Urbano, Demanio, Ambiente. “Stanotte qualcuno ha dato fuoco a una delle palme appena piantate nell’aiuola di Piazza del Duomo. Che piacciano o no è ora del tutto irrilevante: il tema è un altro. Mi piacerebbe trovare il colpevole e mandarlo a curare e a ripulire tutte le aiuole della città: per un annetto. Così, per insegnargli il significato di rispetto e di bene comune.”

La discussione sulle palme del nuovo allestimento dell’aiuola sponsorizzata da Starbucks aveva del resto ha acceso gli animi e la strumentalizzazione politica, che ne ha fatto bandiera del tema dell’immigrazione, non ha certo contribuito ad un confronto sereno di opinioni su quella che alla fine è una semplice scelta vegetale inusuale, per altro con una durata prefissata di 3 anni.

L’uso di termini come “scempio”, “africanizzazione”, palme “blasfeme”, con slogan come “Difendi Milano” – come se fosse in gioco l’essenza stessa della città (le palme di questo tipo sono cinesi e abitano i cortili milanesi da almeno 100 anni) o l’hashtag #motosega – ha estremizzato il dibattito sui media attirando sulle piante una rabbia insensata, decisamente degna di miglior causa. Il gesto dell’incivile vandalo di turno, che ha pensato bene di incendiare una palma, è conseguenza di un clima esasperato che si è focalizzato su un progetto pagato da altri e a scadenza con piante assolutamente incolpevoli. Peraltro con un forte danno di immagine alla Milano contemporanea con aspirazioni internazionali.

Ed è certo che per alcuni è molto più facile accanirsi sulle palme, che in questo momento hanno la massima visibilità, che valutare e dire la loro su altri progetti che incideranno molto di più sulla città: uno per tutti, il futuro degli scali ferroviari milanesi, soluzione che, una volta deliberata, al contrario delle famigerate palme, sarà definitiva. Non solo. La devastazione dei filari di alberi, ridotti a moncherini inguardabili, che ha luogo in queste settimane in tante città non ha certo provocato tanta levata di scudi. Tutta questa voglia di partecipazione allora dov’è? E dov’era tanto amore e tanto senso di appartenenza per viali e piazze, quando non si parlava delle palme di Piazza Duomo?

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Bruciata una delle palme di Piazza Duomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *