Vino bio anche no: nelle vigne meglio la genetica, parola di esperto

“Ogni anno in Italia perdiamo tra il 3% e 5% del potenziale produttivo delle vigne a causa dell’invecchiamento degli impianti o per l’abbandono a seguito dei mancati guadagni”: lo dice Attilio Scienza, biologo e genetista della vite all’Università di Milano che ha ricevuto al Campidoglio nei giorni scorsi il premio dell’Associazione Città del Vino. E secondo il ricercatore, le previsioni non sono buone neanche per il futuro: “In 15 anni si perderà il 45%”. Ma la soluzione non è il biologico: “La scelta del biologico non è convincente perché è una via senza uscita“: sarà invece la scienza, grazie alla genetica, a dare i risultati migliori.

Colline del Prosecco di Valdobbiadene

La viticoltura biodinamica e biologica, che sono per il mantenimento delle risorse naturali, nascono proprio da un sentimento di paura. Ma noi dobbiamo andare aldilà”, afferma Attilio Scienza,  poiché la scelta del biologico è “una via senza uscita. Non ci possiamo accontentare di tornare nel passato, per poi non avere un futuro. Sarebbe come rattoppare la nave di Teseo”.

Insomma, per lo scienziato le tecniche di ingegneria genetica, in particolare la cisgenetica – dove, al fine di rendere le piante più forti e resistenti a malattie e parassiti, si aggiungono geni sì, ma derivanti da varietà della stessa specie,  – sono la chiave per recuperare la produttività in calo delle vigne italiane. “Lazio e Umbria” – avvisa il biologo – “hanno già perso il 50% della loro viticoltura.” 

Secondo lo scienziato “Urge un cambio di visione. Attraverso il genoma editing, e in generale con la cisgnetica, stiamo lavorando con la Fondazione Mach a Trento per rendere la vite resistente alle fitopatologie. Vogliamo uve Sangiovese che non debbano più essere trattate con la chimica e portainnesti resistenti al sale e ai cambiamenti climatici e per fare questo abbiamo una piattaforma che produce colture in vitro. Puntiamo a costruire una raccolta di germoplasma esemplare a livello europeo.”

Genetica che, secondo il biologo, sarà uno strumento migliore del bio anche per tutelare la biodiversità e i tipici paesaggi italiani, tra cui quelli – per esempio le colline del Prosecco di Valdobbiadene – che stanno tentando di ottenere in questi mesi il riconoscimento dell’Unesco.  

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Vino bio anche no: nelle vigne meglio la genetica, parola di esperto

  1. Intanto il vino BIO vero è molto piu buono di quello convenzionale! Poi cercare vitigni che siano resistenti alla Peronospora, per evitare trattamenti con rameici, o contro le recenti plasmosi, nessuno si lamenta se fate ricerca, cervelloni! . Siamo gia vicini a cv che non siano da trattare. Ma eliminare nel DNA della vite le caratteristiche di cosi tante cv mi pare demenziale. Sono secoli che la vite caratterizza il territorio, persapori, profumi e vini tipici autoctoni…ma scherziamo? Cosa volete produrre in terreni non vocati? Umbria e Lazio producono meno perche le campagne sono state abbandonate e grazie alle nuove tecniche di allevamento la carica di gemme /ha ridotta, per avere vino più ricco di grado e meglio conservabile. Inutile spingere la produzione per avere vinaccio! Imparare a bere bene ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *