Insetti e alghe in pillole toccasana per la salute

State dicendo a voi stessi che voi, no, non ce la farete mai. Insetti ed alghe sono il cibo del futuro? Beh, non importa: voi non li metterete mai nel vostro piatto… Niente paura, problema risolto! Insetti ed alghe arriveranno sotto forma di pillole, come integratori, sui banchi delle farmacie, proposti come veri e propri elisir di lunga vita. E l’idea di ingoiare una pastiglia ha sicuramente più appeal su noi europei rispetto a quella di mangiarci una larva… ! Ma quali benefici offrono per la salute questi integratori alimentari così particolari?

Secondo Silvia Cappellozza, dell’istituto pubblico CREA-API, unità di ricerca in bachicoltura di Padova e Alberto Niccolai, ricercatore all’Università di Firenze, al convegno di Cosmofarma, tenutosi negli giorni scorsi a Bologna, alghe e insetti sono fonti di proteine di alta qualità. “Le crisalidi – spiega la Cappellozza – sono proteine ad altissima digeribilità”, “hanno un contenuto di acidi grassi insaturi e polinsaturi pari al 70% del totale. Si tratta di sostanze che agiscono migliorando l’equilibrio fra colesterolo buono e quello cattivo. I bachi contengono anche una sostanza, un peptide, regolatrice dell’ipertensione. Infine contengono principi che agiscono sugli zuccheri nel sangue regolando la glicemia“.

E le alghe non sono da meno. Secondo lo studioso Niccolai, le microalghe sono il cibo della salute del prossimo futuro: “Sono ricche di pigmenti, proteine e acidi grassi utili per sportivi, anziani, donne in gravidanza e durante l’allattamento. La ricchezza in pigmenti, come la astaxantina e ficocianina, le rendono fra le sostanze più interessanti anche come antiossidanti ed anti-invecchiamento.” E si possono facilmente produrre in grandi quantità, in modo molto più vantaggioso rispetto a coltivare piante poiché non richiedono terreni fertili né l’impiego di pesticidi. Le microalghe infatti si coltivano in foto-bioreattori o in vasche aperte dove si moltiplicano con grande velocità.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *