Muoiono gli alberi di Roma: la denuncia parte da Facebook

Alberi che seccano a decine, lasciati a morire di sete. Interi viali costeggiati da ceppaie (sembra siano ben 20mila) di alberate abbattute, e mai sostituite. Ville storiche con esemplari di pregio abbandonati all’incuria. Istituzioni disinteressate e assenti. E’ questo l’allarme che ha provocato la nascita su Facebook di Green City Roma, gruppo social fondato da Antimo Palumbo, noto botanico esperto di alberi e di giardini storici. L’accusa? Albericidio colposo. La mission? Dare finalmente una voce agli alberi di Roma. Prima che muoiano tutti.

Perché in un paese in cui la macchina della magistratura non funziona, la denuncia ormai non passa più da un esposto ai carabinieri: arriva direttamente dai social network. E se arriva da lì, funziona, perché si diffonde tra le persone veloce come un incendio.

L’allarme per la progressiva morte del verde romano ha certo il suo culmine in questi giorni grazie alla crisi idrica capitolina, ma in realtà le denunce si susseguono da tempo, su parchi, giardini di ville storiche con alberature che gridano vendetta, maestosi pini – il vanto di Roma – sfigurati da potature drastiche e vessati da abbattimenti “preventivi”, pinete piene di immondizia che, nelle foto dopo gli incendi di queste settimane, mostrano cataste di rifiuti. E non si tratta di una questione marginale, visto che il verde romano occupa il 67% del territorio comunale.

Sul gruppo facebook “Green City Roma” portato avanti dal paladino degli alberi romani, si parla, si discute e si cercano modi per salvare il salvabile, chiamando a raccolta soprattutto le persone, visto che le amministrazioni – di qualunque “colore” siano – non fanno nulla contro il degrado, non agiscono durante le emergenze, non si occupano del patrimonio naturale e culturale della città.

Sono semplici cittadini preoccupati che documentano le situazioni più gravi e organizzano gruppi di intervento, per esempio bagnature di emergenza per salvare giovani querce appena piantate che, incapaci di affrontare la siccità (che le bombe d’acqua non risolvono), si stanno inesorabilmente seccando, senza che nessuno intervenga. Oppure denunciano con video-appelli l’emergenza per la sopravvivenza di esemplari di pregio lungo le vie capitoline come il grande Ginkgo biloba strozzato da una grata di ferro. Insomma, l’allarme parte con forza dal basso, visto che l’alto non ci sente.

La pagina Fb del Gruppo Green City Roma: www.facebook.com/groups/greencityroma/

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Muoiono gli alberi di Roma: la denuncia parte da Facebook

  1. VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA!
    MA COSA FA IL COMUNE DI ROMA PER SALVAGUARDARE IL VERDE …?!
    COME FA CHI HA IL POTERE DI SISTEMARE LE COSE A VIVERE SENZA SCRUPOLO ALCUNO PENSANDO SOLO A RIEMPIRSI LE TASCHE DI SOLDI PUBBLICI INVECE DI CURARE GLI ALBERI E IL VERDE, DI AGGIUSTARE LE TUBATURE ROTTE, DI PULIRE LE STRADE SEMPRE PIU’ SPORCHE, DI CONTRASTARE SERIAMENTE GLI ZINGARI CHE SPADRONEGGIANO… ?!? MA POSSIBILE CHE NESSUNO SI RIBELLI?!? RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA CITTA’!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *