Piante e fiori assetati: da provare il terriccio con l’acqua dentro

Non è da oggi che sono sul mercato, ma acquistano sempre più fascino grazie alle lunghe estati siccitose degli ultimi anni e la necessità del risparmio idrico. Sono i terricci a riserva d’acqua che si vendono in sacchi nei garden e nei vivai, dedicati alle coltivazioni casalinghe di piante e fiori su balconi e terrazzi. Eh sì, perché è l’estate in vaso, magari in città, il vero test di resistenza che devono affrontare le nostre beniamine verdi. E’ in queste settimane che la disidratazione impera e sale il numero delle annaffiature necessarie, a volte fino a due volte al giorno. I terricci a riserva d’acqua nascono appunto per rispondere a questa necessità.

No no, non pensate neanche per un momento che, con i terricci a riserva d’acqua, potrete smettere di bagnare definitivamente le vostre piante 😉 Sicuramente però questo tipo di substrato può diminuire la necessità di bagnare continuamente e, nello stesso tempo, favorire la salute delle vostre piante. Non è infatti sano per le nostre amiche vegetali sottostare a continue crisi idriche: alla lunga possono indurre uno stato di debolezza che può facilmente compromettere e accorciarne seriamente la vita

COSA SONO GLI IDRORITENTORI
I terricci a riserva d’acqua sono in genere prodotti a base di torba miscelata con un polimero superassorbente (SAP) composto da polvere di acrilato di potassio, che si presenta sotto forma di granuli o polvere bianca. Questi idroritentori sono in grado di assorbire in poco tempo una grande quantità di liquido, pari a molte volte il proprio peso mantenendo intatta la propria struttura, per poi cederlo lentamente alle radici delle piante.

COME FUNZIONA IL TERRICCIO A RISERVA D’ACQUA
Gonfiandosi in presenza d’acqua (anche piovana) e sgonfiandosi durante il graduale rilascio di umidità nel tempo, questi elementi contribuiscono al risparmio idrico e a mantenere ossigenato e drenato il terreno, senza influenzarne il ph. La loro funzionalità nei prodotti in commercio viene assicurata per almeno 5 anni, con il vantaggio di essere completamente biodegradabili. Esistono formulazioni che ne prevedono l’utilizzo anche solo sostituendo, con terriccio a riserva, i primi 5-7 cm di terriccio superficiale nei vasi, e irrigando poi a lungo, in modo da garantire la riserva idrica necessaria. Tasto dolente? Il costo, non proprio economico.

ACQUA IN GEL: DA NON CONFONDERE
Sui bancali dei garden si trovano spesso prodotti in gel densi contenuti in tubi di plastica da inserire vicino alle radici direttamente nel terreno, a 3 o 4 cm di profondità, che assicurano alle piante in vaso una duratura fornitura d’acqua (fino ad un mese, a seconda delle condizioni di coltivazione): si tratta di acqua complessata, ovvero acqua demineralizzata racchiusa in fibre di cellulosa. Il funzionamento è il medesimo, con la differenza che questo tipo di prodotto, seppur più immediato nell’utilizzo, si esaurisce una volta ceduto il suo contenuto liquido. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *