Addio cimiteri, in Italia sbarca il bosco sacro: aperto il crowdfunding

Addio lapidi di marmo e fiori di plastica. Per ricordare il nostro caro che non c’è più, faremo visita ad un albero ai cui piedi sono state interrate le sue ceneri. Il defunto rientrerà così a pieno nel ciclo della natura. In Italia alcune aree boschive acquisteranno una speciale sacralità grazie al progetto “Boschi Vivi”, nato dall’idea di 4 giovani che si propongono di offrire un’alternativa alle classiche sepolture nel cimitero a cui siamo abituati. Continua a leggere

Ministro Del Rio: saldo per gli ecobonus positivo, vanno rafforzati e allargati

Sono utili allo sviluppo e funzionano: in merito agli ecoincentivi per la casa, il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, in audizione sull’ecobonus alla commissione Ambiente della Camera, ha spiegato che le stime indicano un saldo positivo per lo Stato “di 8,8 miliardi di euro” e che le agevolazioni fiscali in ambito edilizio sono state usate in questi 20 anni per circa 16 milioni di interventi dal 62% delle famiglie italiane. Per Del Rio occorre quindi rafforzare e rendere più efficaci nella legge di bilancio le misure che favoriscono un’edilizia legata alla sicurezza antisismica, all’ambiente, alla qualità della vita urbana. Ci sarebbe dunque spazio anche per un ecobonus legato al verde, forte strumento di contrasto all’inquinamento dell’aria e dell’acqua. Continua a leggere

Estate nera per le api (anche quelle di Sting) e il miele italiano

Se, come riferisce Il Corriere, persino le 50mila api della tenuta toscana del cantante Sting rischiano la pelle, allora significa che la situazione per le feconde raccoglitrici di polline è davvero nera. La siccità di quest’anno ha poi dato il colpo peggiore, con il risultato che il miele raccolto quest’anno si ferma in Toscana al 30% della media nazionale, con molte produzioni a resa quasi azzerata. Un “crollo mai visto”, si spiega, a memoria degli stessi apicoltori, 45mila in Italia. Continua a leggere

Protezione Civile: con i boschi in fumo aumenta il rischio idrogeologico

L’ondata di incendi che quest’estate ha ucciso migliaia di alberi e amputato grosse aree della copertura vegetale data dai boschi del Paese, ha reso più fragile il territorio italiano e ciò comporta l’aumento del rischio di nubifragi, alluvioni, frane e smottamenti agevolati dalle piogge autunnali. E’ l’avvertimento della Protezione Civile che in questi giorni mette l’accento sulla fragilità del Belpaese causata dai roghi. Il meteorologo Galbiati conferma: “La correlazione tra incendi e rischio idrogeologico è un fatto ormai confermato: i danni causati dagli incendi potremmo quindi pagarli anche nel prossimo autunno“. Continua a leggere

Cefalù, fermato il piromane grazie all’aiuto dei cittadini

Tramite i social si segnalavano i sospetti e si scambiavano informazioni su potenziali piromani. E’ così che alla fine gli abitanti della contrada Ferla, in provincia di Siracusa, hanno incastrato il meccanico 38enne che all’inizio di agosto dava fuoco ai boschi della zona, appiccando incendi che mettevano a rischio le case e devastando la macchia mediterranea e il Parco delle Madonie, preziosa area protetta della Sicilia. Continua a leggere

Troppa siccità: gli alberi muoiono per embolia

Gli alberi preda della siccità muoiono per embolia: è la scoperta di un gruppo di ricercatori americani e australiani, risultato di uno studio pubblicato sulla rivista Nature Ecology and Evolution. In pratica se la pianta perde troppa acqua troppo rapidamente, al suo interno si forma una bolla d’aria che impedisce di trasportare l’acqua dalle radici alle foglie. Ricerche come queste sono alla base della valutazioni operate dalla comunità scientifica sugli effetti globali della siccità, in aumento sul pianeta. Continua a leggere

Legambiente: risparmiare l’acqua in città anche grazie ai tetti verdi

Grazie ai tetti verdi si recupera l’acqua piovana: secondo Legambiente i cosiddetti “giardini pensili” in città e nei condomini sono un ottimo strumento contro la crisi idrica che sta facendo sentire più che mai il suo arido “morso” al Belpaese. Come mai i tetti verdi possono aiutarci? Legambiente sottolinea che queste superfici, se gestite a verde, possono dare anche un contributo fondamentale per la gestione degli eventi meteorici estremi. Continua a leggere