Non solo Stelle: ecco i fiori giusti per scintillanti feste “rosso naturale”

anturio_rosso500

Nessun altro colore ha il suo impatto: il rosso è da sempre considerato il colore dell’energia, e oggi la cromoterapia, praticata anche in alcuni ospedali, ha confermato che il rosso è simbolo del sole, del fuoco, e quindi parla di calore, energia e luce. E il rosso è da sempre è il colore del Natale. Ben prima che si diffondesse l’icona di Babbo Natale, nastri rossi adornavano prima i ramoscelli nudi o i rami di alloro, e poi l’abete natalizio, che dalla fine dell’800, e soprattutto negli anni ’50, entrava in tutte le case italiane. Abbiamo chiesto agli esperti del Garden Viridea quali sono, oltre alla classica Stella, i fiori rossi più belli che possiamo mettere nelle nostre case. Ecco i loro consigli per un Natale tutto rosso naturale! Continua a leggere

La Chiesa degli Alberi di Natale sospesi? Esiste!

abeti_chiesa_alsazia505Al centro degli archi della navata centrale della Chiesa gotica di San Giorgio, in Alsazia, ci sono in questo momento tanti alberi di Natale sospesi sopra le teste di visitatori e parrocchiani. Per ammirare gli abeti natalizi a Sélestat, cittadina ai piedi della catena dei Vosgi nel Basso Reno, occorre entrare nella maestosa chiesa e, ebbene sì… alzare lo sguardo! Un’eccentrica usanza? Non proprio: l’abete natalizio in effetti qui è cosa serissima…  Continua a leggere

Zucche e decori glamour per una casa in stile Halloween

halloween510

Questo ponte di fine ottobre ci regala una pausa dal lavoro e ci permette di dedicare qualche ora in più alla nostra casa prendendocene cura e rendendola più in “tono” con la stagione. La zucca rimane la protagonista assoluta di questi mesi autunnali come anche di questa notte, la più spaventosa dell’anno. Ma intagliare la zucca crea qualche svantaggio: ne pregiudica la durata e può portare muffe e cattivi odori. Perché dunque non sfruttare questo meraviglioso ortaggio integro, usandolo come una tela pronta alla decorazione più stilosa? Continua a leggere

Piante e fiori sul palco, la Botanica diventa uno show

pianta_cuore520

Si chiama proprio così, “Botanica”, il curioso live gratuito che andrà in scena sabato 17 settembre al Teatro Dal Verme di Milano alle 21.30 dove saliranno sul palco dei performers molto particolari: 4 musicisti, uno scienziato e un’azienda. Sarà infatti il collettivo artistico dei Deproducers (Vittorio Cosma, Riccardo Sinigallia, Gianni Maroccolo, Max Casacci), Stefano Mancuso, direttore dell’Istituto di Neurobiologia vegetale e Aboca, noto brand di prodotti fitoterapici, a porre sotto i riflettori di un teatro le piante e la scienza in un racconto che vuole essere originale e coinvolgente, uno spettacolo che intende unire emozioni e contenuti all’insegna del verde. Continua a leggere

Il giornalista di Full Metal Jacket regala (e pianta) alberi a Catanzaro

fullmetaljacket520

Ve lo ricordate Matthew Modine nei panni dell’atterrito giornalista arso dal desiderio di riportare al pubblico l’esperienza del fronte nel capolavoro di Stanley Kubrick Full Metal Jacket? Che poi si rende conto e partecipa egli stesso alla follia della guerra del Vietnam? Da questa estate l’attore americano si è conquistato l’affetto di Catanzaro compiendo un gesto di generosità verde nei confronti della città. L’attore, ospite del capoluogo calabrese per partecipare al Magna Grecia Film Festival, diretto da Gianvito Casadonte, ha regalato alla città alcuni alberi per ridare lustro al lungomare del quartiere Lido, in sostituzione di piante da tempo ammalate. Continua a leggere

E per l’estate sfoggiamo tatuaggi… botanici!

pis_saro1

Teschi? No, dai, non portano granché bene. Meglio la natura viva, da portare sulla pelle. E quale soggetto è  meglio di un fiore, per un tatuaggio da sfoggiare in costume durante l’estate? Bando alle interpretazioni gotiche, a quelle moderne stilizzate, i tattoo più fascinosi sono quelli di Pis Saro, un’artista ucraina che mette a disposizione della clientela mondiale, grazie ai social, una capacità rara di disegnare piante e fiori sulla pelle riproducendone i dettagli con una tale perizia da ricordare i soggetti delle tavole botaniche. Continua a leggere

I tessuti più glamour si fanno con la seta vegetale

sabra520

La chiamano “sabra” o in inglese “cactus silk” e gli artigiani marocchini ne fanno meraviglie: è la seta che si estrae dall’aloe,  pianta grassa molto diffusa nel deserto del Sahara. Sericeo, elastico e lucido, il tessuto che si produce lavorando le fibre di questa pianta possiede una naturale lucentezza data dalla sezione triangolare delle sue fibre che si comportano come prismi riflettendo la luce. Lavorata con cura al telaio da millenni, la seta vegetale ricavata dalle foglie di aloe – come la pelle vegetale con le foglie di ananas di cui abbiamo da poco parlato su Fiori&Foglie – sta attirando l’attenzione della moda, alla ricerca di un’alternativa ai tessuti sintetici e in armonia con una sensibilità diffusa verso i prodotti cruelty-free. Continua a leggere