Salva l’erborista: aperta la petizione online. Professione a rischio?

Ha superato 28mila firme in 5 giorni la petizione aperta su Change.org dal titolo “Salva l’erborista!” indirizzata al Consiglio dei Ministri. Perché l’esperto di erbe è a rischio, secondo i promotori. Il cuore del problema è il decreto legislativo del Governo che predispone l’abrogazione della legge del 1931 sulla ‘Disciplina della coltivazione, raccolta e commercio delle piante officinali’, unico vecchissimo testo che riconosce la figura professionale dell’erborista in Italia. Ma non tutti sono dello stesso avviso, in primis i coltivatori di erbe. Continua a leggere

Bonus verde: per quali interventi si potrà usufruire dello sconto fiscale?

Per l’anno 2018 per tutti sarà possibile accedere alla detrazione fiscale del cosiddetto Bonus Verde, che prevede uno sconto del 36% per la sistemazione a verde di aree scoperte private e la realizzazione di giardini pensili per un massimo di 1800 euro per unità abitativa. In attesa che venga pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la Circolare Applicativa che preciserà la norma a livello nazionale, un aiuto per cominciare a pensare a rifare giardini, tetti verdi, orti e terrazzi, arriva dalle indicazioni che Asproflor, associazione di florovivaisti, ha inviato ai suoi soci il 4 gennaio, dove vengono esplicitati in maniera semplificata gli interventi interessati. Continua a leggere

Fiorista “irrispettoso” alla Reggia di Caserta: sui social scoppia la polemica

Quando i nostri monumenti, palazzi, giardini e dimore storiche vengono ritratti dai media internazionali ad onore e vanto del Belpaese, facciamo festa. Quando visitiamo questi capolavori e li vediamo ben curati, siamo fieri. Però quando si parla dei denari necessari a manutenere questi beni che sono parte fondante della nostra cultura, allora siamo molto meno generosi di lodi. E’ capitato con le accese polemiche scoppiate sui social a proposito del matrimonio da favola svoltosi nei giorni scorsi nelle stanze adibite agli eventi della meravigliosa Reggia di Caserta, in Campania. Continua a leggere

Natale 2017: il Bonus Verde diventa legge

Nei giorni proprio sotto Natale, la Manovra del governo è stata approvata anche dal Senato. Tra i numerosi contenuti, uno in particolare coinvolge il mondo vegetale per come lo viviamo nella nostra quotidianità: il Bonus Verde. Per il 2018 è legge la detrazione fiscale Irpef del 36% per le spese documentate – fino ad un importo di 5mila euro per unità abitativa – legate ad interventi per la progettazione, la realizzazione, la cura e il ripristino di aree verdi. Continua a leggere

Roma: parte l’hashtag #IostoconSpelacchio. E il Comune valuta la rimozione dell’Albero

Mentre l’assessore all’Ambiente di Roma Pinuccia Montanari lancia un hashtag solidale per l’Albero più discusso del Natale 2017 (che sta facendo parlare di più persino delle imbarazzanti palme illuminate di Civitanova), il Comune sta valutando di rimuovere l’abete “Spelacchio” da Piazza Venezia. Lo annuncia in una nota la consigliera del PD capitolino Ilaria Piccolo, secondo la quale al Campidoglio si starebbe discutendo della possibilità di sostituire lo sfortunato Albero di Natale con un’istallazione artistica di stelle e comete. Continua a leggere

Roma, caso “Spelacchio”: funerale social ed esposto del Codacons per l’Albero di Natale

L’indiscusso protagonista del Natale 2017 della Capitale è lui: l’albero di Natale di Piazza Venezia, ribattezzato subito dai romani “Spelacchio” per l’aria spoglia che lo distingue dagli opulenti “cugini” che fanno bella mostra di sè in altre città italiane ed europee. Il malcontento ha ovviamente scatenato i social: gli universitari della Sapienza su Facebook hanno convocato per la notte del 31 dicembre a piazza Venezia i funerali di Spelacchio (collezionando 1.600 partecipanti dichiarati e quasi 9mila interessati all’evento). Al tutto si aggiunge l’esposto del Codacons alla Corte dei Conti del Lazio con cui si chiede di indagare su un possibile danno erariale verso la collettività da parte del Comune. Continua a leggere

Dal 2019 le piante viaggeranno con il passaporto europeo

Un documento di “identità” unico per tutti i paesi europei: sarà il passaporto che, a partire dal 14 dicembre 2019, dovranno “esibire” tutte le piante che verranno spedite e trasportate da operatori e professionisti nell’area Ue. I passaporti europei dei vegetali garantiranno che le piante sono state coltivate sotto controllo ufficiale, in assenza di organismi nocivi regolamentati, e ne assicureranno la tracciabilità. Continua a leggere