Le bacche di goji più salutari sono “Made in Italy”

Differenze rimarchevoli sia nella concentrazione che nel profilo dei carotenoidi sono state rilevate dall’Università degli Studi di Perugia che ha analizzato le sostanze contenute nelle bacche di Goji che si producono in Italia. Insomma, le bacche che assomigliano a pomodorini in miniatura coltivate nelle terre del Belpaese, che da qualche tempo troviamo anche fresche al supermercato, contengono una maggior quantità di sostanze benefiche per la salute rispetto a quelle prodotte in Cina, che di solito troviamo in vendita essicate. Continua a leggere

Arriva l’orto-sfera di Ikea, da stampare e costruire in casa

Ci puoi coltivare le erbe aromatiche, insalata e piccoli ortaggi anche se non hai il giardino. Perché l’orto-sfera, battezzato The Growroom, che ha progettato Ikea può trovare spazio direttamente in casa e promette di regalare verdure fresche a tutta la famiglia. L’azienda svedese si butta nel business agricolo? Non proprio: l’orto-sfera non si compra… Si scarica, si stampa e naturalmente, nella tradizione della Casa, si monta! Continua a leggere

In vendita negli USA la prima mela che non diventa marrone

Si chiama ‘Artic Apple’ la nuova mela OGM che promette di non ossidarsi, e a partire dal mese di febbraio sarà possibile acquistarla in alcuni negozi americani. Brevettata dalla Okanagan Specialty Fruits (OSF), la mela “eternamente giovane” ha molti anni di ricerca alle sue spalle e mette ancora una volta, letteralmente sul piatto della nostra attenzione, la questione della sicurezza di frutta e verdura geneticamente modificati, peraltro su un prodotto, la mela,di cui l’Italia è primo produttore d’Europa con 70mila ettari coltivati e 2mila tonnellate prodotte all’anno. Continua a leggere

Altro che spinaci: nel piatto meglio i fiori che le verdure

fiori_da_mangiare510

Alcuni fiori edibili sono un concentrato di sostanze antiossidanti, ottimo contro l’invecchiamento e ideale per la nostra salute. Particolarmente salutari sono i fiori più colorati, in special modo quelli rossi o blu. E’ il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista Scientia Horticulturae da un gruppo di ricercatori del dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-Ambientali dell’Università di Pisa. Sotto la lente della scienza 12 fiori commestibili, dalla violetta, alla petunia, alla fucsia, indagati per le loro proprietà nutraceutiche. E sorpresa: il potere antiossidante dei fiori analizzati si è rivelato superiore a quello dei comuni ortaggi da foglia. Continua a leggere

Vino in serra: il Canada ci prova

vino_vite_serra520Vino prodotto da viti che crescono al chiuso, tra i vetri di una serra. E’ la sfida dei canadesi, che si confrontano con inverni freddi e una stagione di crescita delle viti per uve da vino troppo breve. Seppur giudicati di buona qualità, la produzione dei vini canadesi soffre di una bassa resa: per aumentarla si sta sperimentando la coltivazione indoor, che permetterebbe un prolungamento artificiale della stagione “calda” in condizioni stabili e controllate, e renderebbe più semplice l’applicazione di metodi di agricoltura biologica. Il vino in serra è opera di Mehdi Sharifi, ricercatore in agricoltura sostenibile e professore alla Scuola per l’Ambiente della Trent University. E i risultati sembrano promettenti. Continua a leggere

Profumatissime le erbe aromatiche raccolte nell’orto subacqueo

ortodinemo2

Il basilico “subacqueo”, seminato e cresciuto nelle profondità marine, è in effetti molto profumato, come anche l’origano e il timo che non hanno mai “visto” il cielo. E’ il risultato diffuso in questi giorni del progetto “Orto di Nemo“, presentato in anteprima mondiale ad Expo, con cui si sta provando a coltivare erbe aromatiche in “bolle” di vinile semitrasparente ancorati nel mare a 10 metri di profondità. Il raccolto è avvenuto nei primi giorni di questo agosto: gli aromi, profumatissimi e molto sapidi, dalle proprietà nutritive particolari, verranno impiegati in cucina dallo chef stellato Davide Pezzuto. Ma come mai si sta tentando una coltivazione sott’acqua?  Continua a leggere