Il verde a regola d’arte diventa riscatto sociale

Cosa bisogna fare per realizzare uno spazio verde? Seguire delle regole. Da questa semplice ma fondamentale considerazione trae la sua forza l’iniziativa “A Regola d’Arte” di Mediafriends, che a Milano ha deciso di portare gratuitamente l’attività verde nelle zone lontane dal centro, tra i ragazzi che affrontano nella loro quotidianità disagi sociali, psicologici ed emotivi. Con l’aiuto di varie associazioni, piccoli gruppi di ragazzi guidati da un insegnante-ortista creano orti negli spazi di pertinenza di scuole e centri di aggregazione. Perché proprio l’orto? Perché questa scelta? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Giardiniere professionista in meno di 50 ore? No, grazie!

Basteranno meno di 50 ore di corso, la maggiore età e nessuna esperienza per diventare a tutti gli effetti un giardiniere professionista. E’ questa la pericolosa prospettiva che si sta aprendo ad opera di chi, nelle sedi preposte, sta decidendo della formazione che la legge imporrà in Italia a chi vuole acquisire il certificato di idoneità professionale per “la costruzione e manutenzione del verde”. Ma gli imprenditori del settore non ci stanno. E danno l’allarme… Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

L’ultimo trend? Sposarsi all’Orto botanico!

Tra i colori dei fiori, la frescura degli alberi e il profumo delle erbe: proprio lì molti vorrebbero dire il fatidico “sì”. Capofila della nuova tendenza “green” del mondo dei matrimoni che introduce come location parchi e luoghi ricchi di verde curato è Guardabosone, un piccolo borgo tra Valsessera e Valsesia, che vuole trasformare una parte dell’Orto botanico locale da costo a risorsa. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Piante alpine a rischio: un supercomputer ne prevede l’estinzione

Da sempre sono abituate al freddo e al gelo. Ma da qualche tempo lì dove sono sempre vissute le piante in montagna, ha cominciato a fare troppo caldo grazie al cambiamento climatico di cui sperimentiamo gli effetti devastanti ogni giorno (un esempio, la forte bomba d’acqua di ieri a Milano!). La flora alpina ha reagito a questa tropicalizzazione del clima cercando di “salire” più in alto… ma la strategia potrebbe non bastare. Se ne è accorto il supercomputer utilizzato dai biologi dell’Università di Zurigo, che ha fornito una prospettiva futura tutt’altro che solare per la sopravvivenza delle specie vegetali alpine da oggi fino al 2090. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Le bacche di goji più salutari sono “Made in Italy”

Differenze rimarchevoli sia nella concentrazione che nel profilo dei carotenoidi sono state rilevate dall’Università degli Studi di Perugia che ha analizzato le sostanze contenute nelle bacche di Goji che si producono in Italia. Insomma, le bacche che assomigliano a pomodorini in miniatura coltivate nelle terre del Belpaese, che da qualche tempo troviamo anche fresche al supermercato, contengono una maggior quantità di sostanze benefiche per la salute rispetto a quelle prodotte in Cina, che di solito troviamo in vendita essicate. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Insetti e alghe in pillole toccasana per la salute

State dicendo a voi stessi che voi, no, non ce la farete mai. Insetti ed alghe sono il cibo del futuro? Beh, non importa: voi non li metterete mai nel vostro piatto… Niente paura, problema risolto! Insetti ed alghe arriveranno sotto forma di pillole, come integratori, sui banchi delle farmacie, proposti come veri e propri elisir di lunga vita. E l’idea di ingoiare una pastiglia ha sicuramente più appeal su noi europei rispetto a quella di mangiarci una larva… ! Ma quali benefici offrono per la salute questi integratori alimentari così particolari? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Hotel e alberghi vip dicono addio al verde perfetto

Strutture turistiche come alberghi e hotel stanno cominciando ad attribuire un diverso valore al loro verde. Addio erba e alberi perfetti, invece benvenuti prati fioriti e alberature su cui il tempo ha lasciato il segno e che si possono vivere e toccare. Il verde diventa un prestigioso “elemento extra” per il relax e il godimento degli ospiti. Stefano Lorenzi, che degli alberi ha fatto una professione, ci racconta questo cambiamento di percezione del verde in alberghi e strutture turistiche, a partire da quelle di alto profilo. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page