14-15 ottobre in gita tra vivai di pregio, ikebana e meraviglie del FAI

Questo weekend il sole splende fuori dalle finestre e il clima più mite del solito ci invoglia a scoprire le bellezze dell’autunno. Un fine settimana perfetto, perché le destinazioni che possono invogliarci sono davvero tante. Una su tutte? La Giornata d’Autunno del Fai che si svolgerà domani, 15 ottobre, con l’apertura di beni culturali, naturalistici e storici spesso nascosti agli occhi del pubblico. E non è finita qui…! Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Non solo eriche: 6 fiori per il balcone d’autunno

La stagione dei fiori non è finita, tutt’altro. Durante l’autunno, risaltano le corolle di quelle specie che fioriscono fino al tocco del primo gelo: e non si tratta solo di eriche! Molte di queste piante interessanti si mettono in mostra durante le manifestazioni di giardinaggio del periodo, come è accaduto ad Orticolario svoltosi il 29-30 settembre nello splendido parco di Villa Erba, a Cernobbio (CO). E’ andato a visitarlo per Fiori&Foglie un inviato speciale, Alessandro Mesini, collaboratore di note testate verdi: ecco le sue indicazioni sulle “perle” vegetali utili per impreziosire balconi e terrazzi d’autunno!
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Addio cimiteri, in Italia sbarca il bosco sacro: aperto il crowdfunding

Addio lapidi di marmo e fiori di plastica. Per ricordare il nostro caro che non c’è più, faremo visita ad un albero ai cui piedi sono state interrate le sue ceneri. Il defunto rientrerà così a pieno nel ciclo della natura. In Italia alcune aree boschive acquisteranno una speciale sacralità grazie al progetto “Boschi Vivi”, nato dall’idea di 4 giovani che si propongono di offrire un’alternativa alle classiche sepolture nel cimitero a cui siamo abituati. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Boeri: più verde per città del futuro sostenibili e biodiverse

Le agevolazioni per il verde potrebbero agire da grimaldello per l’apertura di una “fortissima nuova economia” che porti le città di oggi a trasformarsi in ecosistemi sostenibili in grado di favorire la biodiversità e una nuova integrazione tra le specie. E’ la chiave di lettura di Stefano Boeri, creatore del Bosco Verticale, opera che sta dando l’avvio ad una rivoluzione architettonica senza precedenti, intrinsecamente legata al mondo di alberi e piante, che dall’Italia si sta propagando nel mondo. L’architetto ne ha parlato in un videomessaggio diffuso lo scorso fine mese a Montecitorio rivolgendosi direttamente al mondo della politica. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

A Cerreto Laghi disputato il Campionato mondiale dei funghi

Ebbene sì, esiste anche questo: il Campionato Mondiale dei Cercatori di Funghi si svolge dal 2013 in località Cerreto Laghi (RE), borgo di pregio all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. I boschi che circondano la cittadina sono rinomati per i porcini di ottima qualità, nomea che anche quest’anno ha trovato puntuale riscontro nei risultati del Campionato disputato il 7 e l’8 ottobre: le 70 squadre composte dai 700 cercatori vi hanno infatti trovato ben 230 chili di funghi. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Andate a funghi? Ecco i consigli della Forestale

Con l’arrivo dell’autunno, e il ritorno delle piogge, si riapre la stagione dei funghi. Un must per gli amanti della buona tavola, ma che presuppone prudenza nella raccolta, e rispetto per l’ambiente boschivo e per la propria incolumità. “Raccomandiamo particolare cautela. Gli ambienti naturali dove crescono i funghi possono nascondere dei pericoli”, sottolinea il colonnello Pierluigi Fedele, comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Parma ed esperto micologo, nel precisare che “negli ultimi anni sono più i decessi di cercatori che hanno avuto incidenti nei boschi di quelli avvelenati da funghi”. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page