Ottenere una pianta di rose gratis da un rametto? Ecco come!

Nate semplicemente da un rametto: messe a radicare nell’incubatrice, una mezza bottiglia di plastica riciclata”. Cosi racconta Claudio Baldazzi, perito agrario appassionato coltivatore di rose, che in un post su Facebook ha mostrato come realizza la tecnica casalinga a zero costo che permette di far crescere un’intera pianta di rose da un unico rametto.  Continua a leggere

Portofino: attenti alle “gatte pelose” della quercia

Querce senza foglie, nude contro il cielo nel pieno della bella stagione: è il segnale che sull’albero ha preso dimora un nido di quelle che comunemente chiamiamo “gatte pelose” ovvero bruchi coperti da peli. L’aspetto simpatico del bruco però in questo caso è ingannevole: i peli, urticanti, possono causare forti dermatiti da contatto sia a noi che agli animali, e provocare pesanti reazioni allergiche se inspirati accidentalmente. Un allarme che di solito si riferisce agli alberi di pino, che i bruchi defogliano completamente, ma che ora si estende anche alle pregiate querce. Continua a leggere

15 piante sempreverdi per coprire le aiuole

Rose, alberelli e grandi arbusti spesso con il tempo si spogliano nella parte bassa, facendo vedere le parti più legnose. Lì l’erba gode di meno luce e soffre la competizione con le radici: non cresce con lo stesso vigore, e mette in mostra il terreno nudo, rendendo così le aiuole meno gradevoli alla vista. E allora come risolvere? Le piante cosiddette “tappezzanti” o “coprisuolo” (groundcover) ci vengono in aiuto: ecco 15 specie belle tutto l’anno che possono rendere decorativa quella striscia di giardino ombroso o coprire l’aiuola ai piedi delle nostre amate rose o persino rivestire il terreno di una grossa fioriera. Continua a leggere

Reparto pediatrico: spuntano gli orti in corsia

Niente garze, cotone e bende sul carrello ospedaliero, ma… foglie e terriccio. Eh sì, erbe aromatiche e ortaggi non sono un incontro insolito all’Ospedale Pediatrico Salesi di Ancona: sono gli orti in corsia, curati proprio dai piccoli pazienti di pediatria. Utilizzato come co-terapia per far sì che i bimbi possano maturare un’esperienza legata alla cura e alla vita, l’orto viene realizzato su un carrellino su ruote, spostabile facilmente dal reparto alla zona esterna, dove viene posto per permettere la crescita delle piante. Lo scopo? Aiutare i piccoli a guarire dando loro un ruolo attivo nella cura di un altro essere vivente. Continua a leggere

Milano: 1,8 milioni per rifare il look al Parco dell’Idroscalo

Tre anni di cura, implementazione e manutenzione del “Mare di Milano”: protagonista l’Idroscalo, meta di famiglie dalla fine degli anni ’30, che da tempo aveva perso il suo smalto. E’ l’impegno di sponsorizzazione della Cap Holding, fornitore di servizi idrici per l’hinterland che ha firmato con la Città Metropolitana, Segrate e Peschiera Borromeo un accordo che porterà all’investimento di 1 milione e ottocentomila euro destinati alla ripulitura  del bacino, alla creazione di un laboratorio di ricerca sull’acqua e alla promozione dell’area come Cittadella dello Sport. Continua a leggere

2-3 giugno: 130 tesori verdi aprono le porte al pubblico

Saranno 130 i tesori italiani, tra giardini, ville, parchi e dimore storiche, che il 2 e 3 giugno, celebrando anche la Festa della Repubblica, apriranno le loro porte al pubblico per invogliare gli italiani riscoprire il loro patrimonio verde. L’evento si chiama “Incontriamoci in giardino”, un progetto realizzato da Apgi – Associazione Parchi e Giardini d’Italia, insieme ad Ales spa e il Ministero dei Beni culturali (Mibact) e prevede aperture straordinarie alle visite, appuntamenti ed iniziative speciali tra cui laboratori, lezioni di giardinaggio, spettacoli, incontri a carattere didattico e scientifico con proprietari, giardinieri e botanici, e tanto altro. Continua a leggere

Scoperta: la patata dolce non è… americana!

Questo attestano i fossili scoperti in India analizzati di recente che indicano che la patata dolce in realtà è originaria dell’Asia, quindi nativa non nel Nuovo ma, ebbene sì, del buon Vecchio Continente. E le novità a proposito della “batata” dolce non finiscono qui… In termini evolutivi è anche molto più “vecchia”… Continua a leggere