Addio pesci rossi, benvenuti Medaka, pesciolini del riso!

medaka1

Dorati, rossi e bianchi, tricolori o addirittura iridescenti: sono i Medaka (pronuncia medakà), piccoli robustissimi pesciolini in arrivo dal Giappone che, con i loro 4 centimetri da adulti, vivono in pochi litri d’acqua popolando tinozze, bacili, mini-pond e micro laghetti nei nostri compressi spazi di città. Notissimi in Oriente, dove vengono considerati “pesci per bambini” per la facilità delle cure che richiedono, stanno arrivando in Italia grazie ad un esperto di piante palustri, Roberto Pellegrini (ve lo ricordate nell’articolo su come creare un laghetto in un vaso?) e al suo gruppo d’acquisto. Dal giorno in cui hanno toccato suolo italiano, tre anni fa, ora sono sempre più i Medaka (nome proprio Oryzias latipes) che popolano con successo le vasche degli appassionati. Ed ecco cosa ci ha raccontato Roberto di questi intriganti pesci ancora poco conosciuti ma che promettono di rimpiazzare presto i mitici pesci rossiContinua a leggere

E dopo l’orto sul balcone, il pollaio di città: sì, ma con stile!

Pensare alla vita in campagna, magari in una fattoria, rimanda alla mente immagini bucoliche, cibi sani, verdure fresche e uova di giornata. Tentare di replicare in città qualche coltivazione per il nostro fabbisogno è cosa fattibile, molti di noi sono riusciti a ricavare un piccolo orto in un angolo del giardino o anche sul balcone di casa. Allevare una gallina che ci fornisca quotidianamente l’uovo fresco di giornata è già impresa più ardua e, diciamocelo francamente, il pollaio non è esattamente un luogo esteticamente gradevole in un giardino di città. Ora però il problema è risolto! Della serie ‘Mai più senza’, ecco a voi NOGG, ovvero il pollaio “urbano” di stile… Continua a leggere

Natale con Fido: e l’albero? Meglio a testa in giù!

Da qualche anno è di moda in America mettere l’albero di Natale al contrario. Rigorosamente finto naturalmente, ma a testa in giù. Sembra ridicolo, eppure questa soluzione ha i suoi vantaggi: per esempio in case che ospitano, come inquilini fissi, animali come cani e gatti. I nostri amici a quattro zampe infatti impazziscono per i sonagli e il luccichio delle decorazioni e questo rende potenzialmente a rischio il nostro bel albero natalizio… Facile trovarlo in terra in pochi minuti dopo i primi “attacchi” di curiosità canina o felina… 😉 Continua a leggere