Premiati gli eco-vasi “intelligenti”

vasi_eco520

Plastica in giardino? No, grazie. Si chiamano “Smartvase” e sono vasi completamente biodegradabili. E fin qui nessuna novità, ne esistono già diversi sul mercato: è da tempo che si sta cercando di ridurre la mole di plastica utilizzata nel mondo del verde. Ma questi sono ecovasi più intelligenti perché ricoperti da un sottile strato di materiale ecocompatibile protettivo che impedisce al vaso di degradarsi fuori terra. Sono quindi in qualche modo dei contenitori a degradazione programmata: il rivestimento rende il vaso waterproof con, in aggiunta, una funzione antiparassitaria. Il prodotto innovativo è tra i vincitori dell’UniCredit Start Lab 2016.  Continua a leggere

Il vino del futuro? Da vigne sostenibili, biodiverse e high-tech

vino_uva520

“Se non interveniamo subito, rischiamo di avere in futuro viti sempre più deboli“. Risultato: vini scadenti. E’ questa la prospettiva che l’Italia, leader nel vino, si troverà di fronte nel prossimo futuro se non cambia direzione ora: lo sostiene con forza il prof. Attilio Scienza, docente e ricercatore di viticoltura all’Università di Milano. Insomma per l’esperto docente, occorre una svolta nel modo che abbiamo di gestire le viti e produrre l’ottima uva che ci dona bottiglie e marchi conosciuti in tutto il mondo, parte integrante della cultura che viene dalla terra del Belpaese. La chiave per questo vitale cambiamento nel mondo del vino è una sola: la scienza. Continua a leggere

I tessuti più glamour si fanno con la seta vegetale

sabra520

La chiamano “sabra” o in inglese “cactus silk” e gli artigiani marocchini ne fanno meraviglie: è la seta che si estrae dall’aloe,  pianta grassa molto diffusa nel deserto del Sahara. Sericeo, elastico e lucido, il tessuto che si produce lavorando le fibre di questa pianta possiede una naturale lucentezza data dalla sezione triangolare delle sue fibre che si comportano come prismi riflettendo la luce. Lavorata con cura al telaio da millenni, la seta vegetale ricavata dalle foglie di aloe – come la pelle vegetale con le foglie di ananas di cui abbiamo da poco parlato su Fiori&Foglie – sta attirando l’attenzione della moda, alla ricerca di un’alternativa ai tessuti sintetici e in armonia con una sensibilità diffusa verso i prodotti cruelty-free. Continua a leggere

Addio moda in pelle, arrivano le scarpe e le borse d’ananas

pinatex520

Esistono già e sono borse e scarpe create usando le fibre delle foglie d’ananas. Questo frutto tropicale che tanto amiamo per le sue interessanti proprietà legate al benessere e alla linea, sta regalando alla moda una risorsa estremamente preziosa, destinata a rimpiazzare la pelle animale. L’ananas è prodotto da una bromeliacea dalla forma tipica: un cespo di foglie cuoiose e tenaci da cui si può estrarre una fibra altamente resistente che può anche essere stampata e colorata. Il risultato è una “pelle” tutta vegetale. E Puma ha fiutato con piacere l’alternativa! Continua a leggere

Il valore del paesaggio diventa prova di maturità

ponte_Rakotz520

Il Ponte di Rakotz a Kromlau Park, Germania

Il paesaggio diventa traccia d’esame. Quest’anno, tra i quesiti posti ai ragazzi che devono affrontare la maturità, ce n’è uno che chiede agli esaminandi qual è il valore del paesaggio. Potremmo vederla come una piccola grande rivoluzione. In Italia si sta cominciando dunque a pensare che è fondamentale per le nuove generazioni conoscere e capire quanto sia importante il patrimonio ambientale, territoriale, culturale e storico di cui il Belpaese è tanto ricco quanto poco consapevole. La novità è stata salutata con grande soddisfazione da parte di Letizia Monti, Presidente dell’Aiapp, Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, da poco reduce dalla chiusura di Ifla, il Congresso Internazionale tenutosi al Lingotto di Torino a cui hanno preso parte oltre mille architetti e paesaggisti provenienti da 60 paesi. Ifla2016 si è concluso con un “Manifesto del Paesaggio”, da accompagnare nelle sue fasi di trasformazione per aumentarne la fruibilità trasformandolo in un patrimonio condiviso. Continua a leggere

22 aprile, Giornata della Terra: quest’anno è dedicata agli alberi

giornatadellaterra_alberi520

7,8 miliardi di alberi in più entro i prossimi cinque anni: è questo l’obiettivo che si propone la Giornata della Terra edizione 2016, che si festeggia proprio oggi, 22 aprile. Gli alberi sono stati riconosciuti come il modo più economico per combattere il cambiamento climatico e non solo. Questi nobili vegetali sono un motore di benessere a livello globale, non solo per l’ambiente – grazie ai vantaggi che portano e che tutti conosciamo – ossigeno, ombra, riparo per la biodiversità, consolidamento del suolo, filtrazione dell’acqua e dell’aria, assorbimento della Co2, origine di principi medicinali – ma anche perché, dove vengono piantati, creano un’economia nelle microcomunità più povere che permette lo sviluppo locale e la sopravvivenza. Continua a leggere

Verde e natura conquistano il salone dell’edilizia e dell’architettura

L'agricoltura entra in città

Si è concluso nel sabato appena trascorso il Made Expo, salone dedicato all’edilizia e all’architettura. Novità verdi serpeggiano tra allestimenti e stand, segnali figli di una nuova sensibilità che individua nella sostenibilità e nell’uso delle piante come materiali del costruire nuovi scenari e opportunità per economia e lavoro. Nella vasta manifestazione alla Fiera di Milano a Rho si sta dando l’addio al verde come ornamento e si dà il benvenuto al mondo vegetale come struttura essenziale delle abitazioni del futuro. Tante le soluzioni proposte, più o meno efficaci, ma tutte da scoprire. E niente come una fiera di questo tipo permette di avere una panoramica del cambiamento in atto. La punta di diamante di tutto questo? Il verde verticale. Muri verdi di ogni tipo stanno conquistando la fantasia di architetti e aziende. Lo si è visto bene al Made, dove il padiglione che ospitava la mostra A.A.A.+A. (Agricoltura Alimentazione Architettura + Atletica) e quello dedicato al Green Home Design hanno fatto il pieno di visitatori. Continua a leggere