Il più bravo fiorista italiano alla conquista della Coppa Europea: e il Ministro Martina fa il tifo per lui!

coppa_fioristi520

Ci siamo quasi. Fra pochi giorni, e precisamente l’8 e il 9 aprile ai Magazzini del Cotone nel centro storico di Genova, si disputerà l’Europa Cup, la Coppa Europea dei Fioristi, la gara più importante per il mondo dell’arte floreale. A rappresentare l’Italia nella sfida a colpi di corolle tra i 23 maestri fioristi più talentuosi di tutti i paesi europei ci sarà Emiliano Amadei, 41 anni, che gareggerà per conquistare uno tra i premi più ambiti a livello internazionale. E lo farà con il sostegno e il tifo del Ministro Martina, che proprio ieri ha incoraggiato il Campione con un messaggio a lui personalmente indirizzato dalla sua pagina Facebook. Continua a leggere

Concorso di Monza 2015: ecco le rose vincitrici… Nessuna italiana!

 

Immagine 1 di 22

Concorso delle Rose: le varietà premiate quest'anno

Scena gustosa: una scolaresca visita il Roseto di Monza qualche minuto dopo la conclusione della premiazione del Concorso Internazionale delle Rose. Tutti presi ad ammirare i fiori, una bimba si ferma di colpo di fronte ad una delle vincitrici della medaglia d’oro e grida con foga: “Ma noooo, non è giusto che abbia vinto questa rosa!! Non è assolutamente la più bella!!”. Si sa, la forza dei bimbi è che non hanno filtri: quello che pensano, dicono, con grande scorno dei giurati presenti 😀 Perché vi racconto questo aneddoto? Perché la reazione spontanea della piccola fa capire molto bene quanto sia ampia la distanza tra la percezione della giuria rispetto a quella della gente comune. E dà da pensare che, nonostante il gusto per le rose sia nettamente cambiato nel mondo dei rosaisti (per esempio con l’arrivo delle rose nostalgiche o di quelle paesaggistiche)  l’immagine che c’è nella mente della giovanissima pollice verde è ancora quella della cosiddetta “rosa dei fioristi”, la famosa rosa da taglio o “ht” (ibride di tea), categoria pochissimo stimata dagli esperti di settore 😀 Ok, riflessione a parte, torniamo a bomba: quali sono state le rose premiate a Monza quest’anno, allora? Continua a leggere

Il Concorso Internazionale delle Rose di Monza chiude i battenti: per un anno?

Terreno impoverito e necessità di riorganizzare gli spazi per le varietà rampicanti, sempre più richieste dal mercato negli ultimi tempi: questa, ufficialmente, la motivazione per mettere in pausa – per il prossimo anno – il prestigioso Concorso Internazionale delle Rose Nuove, evento che ogni mese di maggio nel roseto di Niso Fumagalli di fronte alla Reggia di Monza vede gareggiare per bellezza, profumo e “performance” le nuove varietà di rose create da tutti gli ibridatori del mondo. Il triste annuncio è stato dato dal presidente dell’Associazione della Rosa Silvano Fumagalli, durante la premiazione di quest’anno avvenuta lo scorso venerdì 22 maggio. Ma in effetti forse la motivazione di fondo potrebbe essere un’altra… Continua a leggere

Chelsea, arriva il salotto-giardino

Tra i giardini in gara al C.F.S. di Londra quest’anno, ce n’era uno che ci ha particolarmente colpito. Anche lui, come la gran parte dei giardini in competizione, ha vinto una medaglia, ma ve ne parlo qui soprattutto perché si tratta di un progetto di “giardino urbano”, ovvero uno spazio altamente vivibile dove le piante sono protagoniste quanto le persone che lo abitano. Niente parchi in ville mega-galattiche, dunque: stiamo parlando di uno spazio esterno ridotto, come quello che ci si trova di fronte spesso nelle case che compriamo oggi. Qui sta la cosa interessante. Si chiama “A Joy Forever”, disegnato da Kate Gould per Hartman. Continua a leggere

Chelsea Flower Show, la gara di giardini d’Europa

Il Chelsea Flower Show è un evento internazionale che coinvolge migliaia di persone: non è solo la più importante vetrina d’Europa per i progettisti di giardini che si sfidano in un’appassionante gara, ma è soprattutto una grandissima opportunità per artigiani e scultori, piccole aziende e laboratori. Qui c’è meglio della loro creatività “verde” e mai pensereste che al mondo c’è così tanto da vedere, creato dalle operose mani dell’uomo. Statue e sculture si mescolano al verde, alle piante e ai fiori in un unico incanto di bellezza. E la gente accorre a frotte. In Italia si vede questo pubblico solo ai concerti o alle partite di pallone… Ma ecco nel dettaglio come funziona esattamente questo incredibile evento. Continua a leggere