I giardini diventano selvaggi: a Bergamo si incontrano i Maestri del Paesaggio

scapedesign1

Si conclude oggi la due giorni del 23 e 24 settembre al Teatro Sociale di Bergamo Alta della rassegna “I Maestri del Paesaggio”, importante meeting organizzato dall’associazione Arketipos che coinvolge paesaggisti, architetti (ma anche arboricoltori, vivaisti e giardinieri) dando voce ai protagonisti del verde italiano e internazionale. Un folto pubblico ha ascoltato con grande interesse i relatori mentre illustravano progetti e realizzazioni che godono di notorietà internazionale come il Bosco Verticale di Stefano Boeri – rappresentato dalla paesaggista Laura Gatti che ne ha curato l’aspetto agronomico – e il giardino che ha vinto quest’anno la medaglia per il “Best in Show” al Chelsea Flower Show di Londra presentato sul palco bergamasco da Andy Sturgeon, il paesaggista che lo ha ideato. Ma oltre ai personaggi che spiccano, altri relatori hanno intrigato la platea con metodi e punti di vista innovativi, come gli architetti francesi James e Helen Basson o la paesaggista americana Lisa Delplace, portatori dei valori a cui si ispirano gli Wild Garden, letteralmente i giardini selvaggi. Continua a leggere

Un giardino per i malati di Alzeihmer

healing_garden510

La malattia si combatte anche con il verde che, aumentando la qualità di vita dei pazienti, permette loro di affrontare e vivere meglio la condizione di cui sono vittime. Stanno nascendo così gli healing gardens, giardini e orti concepiti espressamente per patologie, anche molto specifiche come l’Alzheimer, di cui si è celebrata ieri, 21 settembre, la Giornata Mondiale. Nel mondo le persone affette da Alzheimer sono 46 milioni – di cui 600.000 in Italia – e solo nel corso del 2015 si sono verificati più di 9,9 milioni di nuovi casi di demenza a livello mondiale, cioè un nuovo caso ogni 3,2 secondi. Certamente la scienza troverà una cura, ma nel frattempo milioni di famiglie si confrontano con l’enorme pena di una malattia che porta via tutto – mente, corpo, sentimenti, affetti – ai loro cari. Ma cosa può offrire un giardino terapeutico ad un malato di Alzheimer?  Continua a leggere

Piante e fiori, mostre ed eventi verdi: a settembre si ricomincia!

pyracantha_settembre520

Ultime battute d’estate in questo fine agosto, ma niente paura: la bella stagione non è ancora finita! I prossimi due mesi offrono un ricchissimo carnet di eventi legati al verde. E sono proprio settembre e ottobre – dove l’inverno è mite, anche novembre – i mesi giusti per acquistare nuove piante perenni per il giardino, con spettacoli di foglie che cambiano colore e una messe di bacche colorate. Una festa per gli occhi e per la mente che avremo modo di ammirare passeggiando per giardini, parchi, “porte aperte” di vivai specializzati tra corsi, mostre e manifestazioni, che a partire dai primi di settembre si succedono serrati in tutti i weekend lungo lo Stivale fino a ottobre inoltrato. Tutti pronti a prender nota? Ecco dunque dal Calendario di Fiori&Foglie le date e i riferimenti degli eventi verdi – compreso film e rassegne – da non perdere! Continua a leggere

Decisioni sul verde in città: più autonomia ai municipi e attenzione alle periferie

milano_hinterland520

Decentramento del Verde: è la tendenza che si sta facendo largo nelle grandi città come Milano, dove secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, sarà di buoni 79 milioni di euro il bando per l’appalto a gara per i lavori sul verde della città per i prossimi 3 anni, suddiviso in tre lotti, uno ogni 3 municipi. E, in attesa del nuovo regolamento del Verde al vaglio del Consiglio comunale, stavolta saranno i 9 grandi municipi in cui è suddivisa la città a prendere decisioni sugli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria delle proprie aree verdi. E non stiamo parlando di bruscolini: il patrimonio di Milano ammonta a ben 17 milioni di metri quadri di superficie a verde dotati di 258mila tra alberi e piante. Continua a leggere

Andar per giardini tra le Ville e le casine del Salento

villegiardinisalento1

Parlando di Garden Tourism o Turismo Verde, ecco un evento di casa nostra che segnaliamo volentieri per chi ama fare passeggiate guidate alla scoperta del sud del nostro splendido paese. E’ partita ieri, 21 luglio, e si concluderà il 2 settembre, la rassegna Salento Ville e Giardini all’interno dell’evento Festival Décooccasione preziosa per conoscere i tesori disvelati da una delle terre più affascinanti d’Italia, la campagna salentina della Puglia. La proposta è di quelle ghiotte: le sue “casine” dai richiami barocchi, immerse tra ulivi e vigneti, e le scenografiche ville eclettiche dal fascino esotico aprono le loro porte solo in occasioni speciali come queste. Continua a leggere

Andar per giardini: quest’estate in vacanza facciamo Garden Tourism!

giardini_louvre500

Il giardino delle Tuileries a Parigi, fra il Louvre e Place de la Concorde

Chi ama la natura non può perdere l’opportunità di sperimentare una forma particolare di turismo, quella dedicata ai giardini e ai grandi parchi paesaggistici. E’ il Garden Tourism o Turismo verde. Questo tipo di vacanza permette di riscoprire straordinarie bellezze di arte, cultura, storia e natura e consente di vedere il nostro ed altri paesi con occhi diversi, percorrendo rotte turistiche insolite, tranquille e affascinanti sotto ogni aspetto. E chi vorrà spingersi in Europa e nel mondo potrà ammirare l’interpretazione di altre culture, visitando collezioni botaniche assolutamente uniche. I luoghi, sempre molto piacevoli, rilassanti e accoglienti, sono indicati anche per chi ha bambini di ogni età, ai quali viene così offerta un’importante possibilità per conoscere, divertendosi, un contesto ricco di sorprese fiorite, di animali e di insetti. Ma come organizzare al meglio la visita ad un parco o un giardino? Ecco i consigli degli esperti di Viridea, da leggere con la valigia in mano! Continua a leggere

La rosa gialla perfetta è extracomunitaria: viene dall’Inghilterra!

rosa_graham_thomas520

Brexit o non brexit, non c’importa: una tra le più belle rose gialle mai create è opera di David Austin, che nel secolo scorso riuscì nell’intento di combinare le forme dei fiori e i profumi delle rose antiche con la gamma di colori e la rifiorenza delle rose moderne. Diede vita così ad una nuova classe di rose, le rose inglesi, appunto. E tra tutte la ‘Graham Thomas’ si distinse subito, vincendo l’Award of Garden Merit della Royal Horticultural Society ed entrando nella Hall of Fame della World Federation of Rose Societies. Di questa meravigliosa rosa gialla ci parla la nostra esperta Elisabetta Pozzetti per la rubrica “Rose Perfette“: e dopo averne letto, sarà difficile fare a meno di questa rosa color dell’oro! Continua a leggere