L’effetto della luna su piante e fiori: cosa c’è di vero?

giardinaggio_luna510

Scegliere di coltivare le piante osservando le fasi lunari e di vivere in sintonia con la Luna anche per certe attività della vita domestica non è segno di interesse per la magia o per pratiche esoteriche. Al contrario, è un metodo razionale per proteggere uno stretto legame con la natura e con il cosmo dei quali siamo ospiti. La Luna è capace di muovere gli oceani provocando le maree e influisce in modo diretto e visibile sulle piante e la vita domestica. E se è il nostro satellite a consentire, sulle coste della Bretagna, maree tali da regalarci ostriche squisite coltivate negli allevamenti, dove il mare sale e scende con regolarità, vale la pena di riportare la nostra attenzione sulla Luna anche per ottenere migliori risultati dalle piante e da alcune attività: l’imbottigliamento del vino è la più nota, ma ce ne sono anche altre. Abbiamo chiesto lumi sul tema agli esperti di Viridea: ecco i loro consigli su come possiamo usare al meglio gli influssi lunari in giardino e sui nostri balconi! Continua a leggere

Se l’orto di casa te lo fa il robot contadino

farmbot1

Lattuga e pomodori appena colti in giardino? Eccoli, pronti senza muovere un dito. Ci ha pensato il tuo Farmbot, il robot contadino. Il futuro è adesso. La tecnologia sta entrando sempre più pesantemente nell’agricoltura, anche grazie all’introduzione dei droni e ai sistemi ad elevata automazione, ma fino adesso le macchine agricole hanno sempre fatto parte del mondo produttivo industriale, non della vita quotidiana dei pollici verdi. A breve tutto cambierà e i “robot contadini” entreranno anche nei nostri giardini. Questa la via indicata da Farmbot, il robot che coltiva da solo l’orto domestico. Continua a leggere

Il balcone da mangiare: cosa piantare e come!

orto_balcone_pom520

Verdura e frutta raccolta dai vasi curati con amore sul balcone: un’idea che sta raccogliendo un successo crescente in Italia, per soddisfare il bisogno di riallacciarsi alla natura e ai ritmi della campagna. I prodotti orticoli ottenuti in vasi e cassette sul balcone non saranno in quantità significative, ma proprio per questo sono più preziosi; inoltre sono genuini e belli. Gli orti in balcone o terrazzo, o ricavati negli spazi di un piccolo giardino o cortile urbano avvalendosi di cassette, vasche e altri contenitori, diventano anche occasioni di socializzazione che coinvolgono la famiglia e i bambini; si ritrova il piacere di ottenere un raccolto senza pesticidi, staccando i frutti dalle piante quando sono maturi al punto giusto. Fiori&Foglie ha chiesto agli esperti di Viridea qualche indicazione su cosa è meglio piantare in vaso… Continua a leggere

L’orto in poco spazio? Facciamolo verticale!

orto_verticale520

Siamo abituati a pensare l’orto come a un’ampia e ordinata distesa di verdure, ma ci sono molti altri modi per coltivare ortaggi ed erbe: per esempio in verticale, sfruttando al meglio i piccoli spazi. L’idea dell’orto verticale è stimolante e divertente: secondo gli esperti dei garden Viridea a cui abbiamo chiesto come realizzarne uno. E abbiamo scoperto che si può usare un “kit” di base, composto dalle attrezzature essenziali e da qualche piantina di ortaggi, oppure delle semplici mensole di legno trattato, o addirittura possiamo sfruttare cassette delle frutta da attaccare alla parete. Ecco dunque i loro interessanti consigli su come creare un orto verticale in poco spazio! Continua a leggere

Nasce l’orto dell’Onu, produrrà verdure internazionali

ortaggi_bandiere

Palazzo di Vetro dell’Onu, New York: 69mila metri quadri senza una foglia o un frutto commestibile. E dall’altra parte, centinaia di tonnellate di rifiuti di cibo prodotti da quegli stessi palazzi che ogni anno finiscono in discarica a marcire. In tempi di lotta allo spreco e di crisi, per chi sta in cima certo non è una gran buona pubblicità. E ormai queste cose la gente comune comincia a notarle. Creare un orto nella sede delle Nazioni Unite potrebbe anche essere solo una lucidata all’immagine, però in effetti è coerente con il messaggio di “Fame Zero” con cui l’organizzazione internazionale partecipa all’Expo. E il fatto di agire impiegando volontari fa pensare che qualcuno si è preso carico del progetto: di questi tempi anche i potenti della Terra devono dare l’esempio… Continua a leggere

Lele Mora, da agente dei vip ad agricoltore nell’orto di Don Mazzi

Dalle feste dei ‘vip’ al lavoro nell’orto. Lele Mora, dopo oltre un anno in carcere, inizia le sue attività nella comunità di don Mazzi, a Milano. E nel suo primo giorno di lavoro, l’attività prevista per lui è raccogliere del peperoncino. Mora l’aveva annunciato: “Domani inizierò a lavorare da Don Mazzi” aveva detto ai microfoni de ‘La Zanzara’, il programma di Giuseppe Cruciani e David Parenzo su Radio24, lo scorso 25 settembre, durante la sua prima intervista. Detto, fatto… Continua a leggere

Sardegna, nel giardino al mare si coltivano ortaggi e si allevano polli

Quando pensiamo alla Sardegna, ci vengono in mente spiagge da sogno, mare cristallino e vacanze di lusso con tutti i confort. Ma la crisi, nell’isola, ha colpito pesantemente, racconta Adnkronos, anche in tema di vacanze locali, ovvero quelle dei sardi stessi. L’effetto del caro carburanti, la crisi, la paura di spendere ha indotto le famiglie a rispolverare le ferie nelle seconde case, dicendo addio a costosi viaggi estivi. E’ una tradizione nata nel dopoguerra, dove ci si trascorrevano anche tre mesi di seguito da giugno a settembre. Incoraggiati magari dalla presenza di orto e pollaio, che aiutano a limitare le spese e a mangiar sano, sono in tanti ad aver deciso di mettere al bando bar, supermarket e lidi, scegliendo per questa estate 2012 una vacanza ‘autarchica’ alla vecchia maniera. Continua a leggere