Fiori e Foglie

L’albero delle melanzane (e dei pomodori)

L’idea è semplice ma efficace. Prendete una pianta resistente alle malattie, vigorosa, che da adulta diventi un alberello di circa 3/4 metri e innestate degli ortaggi su alcuni dei suoi rami. Costruirete così un “frankenstein” vegetale, ovvero un esemplare in cui l’alberello fornirà radici, tronco e le sue qualità migliori per far crescere delle piante diverse, senza radici né tronco, attaccate ai suoi rami. E’ questa la tecnica che permette la coltivazione e la fruttificazione del cosiddetto “albero di melanzane e pomodori”, salito alla ribalta grazie a Giuseppe Marino, geometra siciliano in pensione, che li coltiva da molti anni nella sua terra a Palermo.  Ne parlo qui grazie al bel suggerimento di Andra, a proposito del post dell’Orto sul balcone. Vediamo dunque di cosa si tratta esattamente.

L’innesto è una procedura antica in agricoltura. Non è praticabile tra tutte le piante però. Richiede infatti che porta-innesto e nesto siano piante affini dal punto di vista botanico. Viene da sempre usato, in modalità diverse, per poter coltivare meglio o moltiplicare specie e varietà poco vigorose che però producono fiori o frutti desiderabili per sapore, forma e/o dimensioni. Nel caso dell'”albero delle melanzane“, la pianta che fa da porta-innesto è un alberello tropicale, il solanum torvum, della stessa famiglia di pomodori (solanum lycopersicum) e melanzane (solanum melongena). Comincia a produrre i frutti, a quanto leggo dalle interviste fatte al Sig. Marino, ben due mesi prima delle varietà di ortaggi comuni e la raccolta è facilitata dall’altezza della pianta, peraltro perenne. Il problema, per chi vive al Nord Italia, è che la pianta ha bisogno di almeno un paio d’anni per raggiungere all’altezza richiesta dall’innesto e non tollera inverni troppo freddi, dove la temperatura scende sotto lo zero (minima +6°C). Per cimentarsi dunque occorre che al Nord la pianta venga riparata. Inoltre, avendo radici robuste richiede, per produzione e velocità di crescita ottimali, la piena terra piuttosto che un vaso. Nulla toglie che valga la pena cimentarsi 😉

Occorre però prima di tutto procurarsi i semi del solanum torvum, che non si trova comunemente in vendita nei vivai. A questo proposito Florablog ha fatto un intero reportage  molto interessante sull’Albero delle Melanzane, in diretto contatto con coltivatori che lo allevano da tempo nel Sud Italia, tra cui lo stesso Marino. Tenete conto che, quando il vostro alberello avrà raggiunto l’altezza desiderata (un paio di metri), dovrete eseguire il vostro innesto con attenzione. L’innesto consigliato in Rete è quello, cosiddetto, “per approssimazione” (che avviene anche comunemente in natura, si vede spesso nei tronchi di glicine per esempio quando si “fondono”), che si fa tra due piante vicine, togliendo un pò di corteccia dai rami dei due “donatori”, avvicinandoli e poi legandoli fino a farli aderire perfettamente tra loro. Nel giro di un paio di mesi i due rami si salderanno e a quel punto si potrà procedere ad eliminare le parti di troppo in modo che rimanga solo il ramo produttivo.

Sperimentare l’innesto è divertente anche nel caso delle piante da fiore ornamentali come per esempio l’oleandro (nerium oleander), che ha il pregio di crescere veloce e di resistere piuttosto bene anche al gelo. E’ possibile creare un alberello di oleandro con rami dai fiori di colore diverso. Anche i ciliegi ornamentali (prunus) vengono spesso innestati, anche se sicuramente è la rosa la regina degli innesti da fiore. Gli arbusti delle varietà moderne infatti sono praticamente tutti innestati: quando comprate una rosa quindi, di solito in realtà ve ne danno due! Che aspettate a provare, dunque? E, se avete voglia, fateci sapere com’è andata! 😀