Il pesce rosso diventa trasparente

Fra circa un anno, entrando in un negozio di acquariofilia, potreste trovarvi di fronte ad un pesce rosso… che non  è più rosso: è trasparente. Si potranno vedere ben definiti, con questa curiosa livrea rosa-perlata, tutti gli organi interni del pesce, che non contengono pigmentazione. La scoperta è del professor Yutaka Tamaru dell’Università di Mie, alla guida di un team di ricercatori giapponesi, popolo leader nello sviluppo di nuove varietà di carassius auratus, il comune pesce rosso. Il nuovo pesce (nelle foto AFP) è stato presentato al meeting annuale della Società di Biologia Molecolare del Giappone.

Anche questa selezione, ottenuta grazie ai continui incroci nell’arco di tre anni di esemplari dalla livrea molto chiara, segna una tappa nell’ulteriore evoluzione di questa specie: il pesce rosso trasparente infatti è un “orifiamma”. L’orifiamma, anche chiamato “oranda”, è una varietà “domestica” di carassio: si trova a sua agio negli acquari di casa, a temperatura controllata, lontano dai laghetti dove il suo “antenato” da sempre vive. La selezione del carassio ha creato livree splendide e forme innovative per questi pesci, ma ha anche portato seri svantaggi: alterando la loro linea, li ha resi meno idrodinamici, più impacciati e lenti nei movimenti, quindi meno competitivi nella gara per il cibo e facile preda di malattie. Se dunque decidete di ospitarli in casa vostra, informatevi a fondo per riuscire a prendervi cura di loro al meglio.

Il team di ricercatori giapponesi ha dichiarato che, grazie a questa ricerca, sarà possibile osservare il funzionamento degli organi dell’animale senza ricorrere alla vivisezione. Non è il primo caso: i  giapponesi avevano già selezionato, qualche anno fa, una rana “trasparente”, mutazione di rena japonica, generalmente scura. Questo tipo di analisi sarà facilitato dalla taglia che l’orifiamma può raggiungere, 25cm per 2 chili di peso, e un’attesa di vita di vent’anni.

Ma non sono certo quelli prodotti dal professor Tamaru, però, i veri “pesci trasparenti” in circolazione e non serve andare in Giappone per trovarli. Basta cercare in un qualunque negozio di acquari i cosiddetti “pesci di vetro”, nelle due specie più note: il Chanda ranga (a destra nell’immagine), o pesce di vetro indiano, e il Kryptopterus bicirrhis (a sinistra nell’immagine) o pesce fantasma. Dimensioni decisamente più contenute ma trasparenza assicurata!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *