Ondata di gelicidio: danni a vigneti, ortaggi e frutteti

Negli scorsi uscendo di casa la mattina presto, molti in Lombardia si sono risvegliati in un paesaggio ghiacciato, in cui il gelo ha rivestito piante, strade, auto e ogni superficie esposta all’aria esterna. Il fenomeno è poco frequente e porta un nome “da brivido” che è tutto un programma: gelicidio. E nei campi, su alberi da frutta, vigne e ortaggi, non ha fatto pochi danni. Secondo il monitoraggio di Coldiretti, “il gelicidio ha fatto strage di boschi, vigneti e alberi da frutta per colpa delle basse temperature, con minime inferiori di 2,8 gradi sotto lo zero al nord Italia”. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Palme di Natale: social scatenati sulle luminarie di Civitanova Marche

Quando si dice che un’immagine vale più di mille parole. Ma va da sè che forse l’amministrazione di Civitanova Marche avrebbe preferito che agli onori della cronaca fosse salita una cartolina diversa da quelle palme rivestite di luci in piazza dall’aspetto un filino imbarazzante. Eggià, perché le palme hanno una forma ben diversa dagli abeti, e bisogna prestare attenzione a come le si addobba per Natale… Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una gallina ci salverà (da una vecchiaia infelice)

Le coccolano come fossero gattini. Si prendono cura di loro, le nutrono con amore, raccolgono le uova. E si sentono di nuovo utili e vivi: diventano più socievoli, più attivi e più aperti alle attività di gruppo. Sono gli anziani delle case di cura dove è stato introdotto il progetto HenPower. Perché questo anti-depressivo naturale, che in tarda età aiuta a dimenticare solitudine e dolore, si chiama “gallina”Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Pesci rossi in inverno? Questione di razza

Quando arriva il freddo, il laghetto in giardino diventa oggetto delle nostre preoccupazioni: i pesci rossi che vi abbiamo inserito sopravviveranno all’inverno? La risposta non è scontata perché dipende da quale tipo di pesce rosso nuota nel nostro specchio d’acqua. Molte persone infatti non sanno che quelli che i ciprinidi che chiamiamo genericamente “pesci rossi” raccolgono nella propria definizione più gruppi ben distinguibili: i pesci rossi simili alla forma selvatica (Carassius auratus auratus), e le razze di pesci rossi che l’uomo ha selezionato tramite incroci e mutazioni nel corso della lunga storia da quando ha iniziato ad allevarli, più di mille anni fa in Cina. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Vivo e speciale: l’albero di Natale 2017 gli italiani lo vogliono così

Addio abeti di plastica, aumentano del 3% gli alberi veri addobbati dalle famiglie italiane per il Natale 2017: è il dato emerso dalla recente indagine Coldiretti/Ixe’. L’acquisto degli alberi vivi per le feste sale così a 3,8 milioni di esemplari. Vero o sintetico, l’albero di Natale rimane comunque un must a cui l’88% delle famiglie italiane non è disposta a rinunciare, anche se ci sono delle novità. Oltre a confermare la tendenza all’albero natalizio di dimensioni più piccole, il 2017 vede anche un nuovo trend: la ricerca di alberi di Natale di specie meno scontate del classico abete rosso. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Arriva la neve e a Milano… si piantano ulivi

Il gesto di piantare nuovi alberi messo in opera armandosi solamente di buone intenzioni quasi sempre non è sufficiente. E’ notizia di questi giorni che a Milano sono stati donati 50 alberelli d’ulivo dalle associazioni Bene’ Berith e Walking Angels. Simbolo di benemeriti valori condivisi, i primi 20 esemplari sono stati destinati al Parco Cascina Bianca, mentre gli altri 30 troveranno casa in alcuni giardini della città. Tutto bellissimo, onore alle istituzioni ma, viene da chiedersi, qualcuno ha pensato per un momento che dicembre non avrebbe potuto assicurare condizioni climatiche ideali per piantare ulivi nella Pianura Padana…? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page