Brindisi, i negozi regalano le piante di Natale al Comune

negozi_natale505

Le belle piante che i negozianti comprano in questo periodo per addobbare lo spazio di fronte ai negozi e lungo le vie della città in armonia con l’atmosfera natalizia non saranno semplici decori. Alla fine delle feste, il 7 gennaio dell’anno nuovo, invece di essere buttate via come succede di solito, le piante usate per il Natale dai negozi entreranno a far parte del verde pubblico. Saranno infatti donate al Comune. Il verde insomma si fa economia circolare e le piante diventano risorsa, invece che decorazioni a perdere. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Se il Senato non discute la Legge di Bilancio, taglia fuori l’economia verde

voto505

Renzi se ne vuole andare, e in tutta fretta. Il problema è che il Referendum, che così fortemente personalizzato ha sancito la dura caduta del governo, è stato fatto quando ancora non era terminata la discussione e l’approvazione della Legge di Bilancio 2017. Anche e soprattutto a causa di un ritardo di quasi 10 giorni accumulato durante i lavori alla Camera, una corposa parte degli emendamenti – compresi quelli dell’articolo 2 degli ecobonus che hanno già la necessaria copertura finanziaria – non è stata discussa per ragioni di tempo, rimandando la palla al Senato. Ora però, dopo il “No” decretato il 5 dicembre, Renzi vorrebbe ridurre al minimo la sua permanenza come “premier congelato” richiestagli dal Colle. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Addio Renzi: che succederà al lato verde della Finanziaria?

renzi_dopoilnoAl referendum per la riforma costituzionale ha vinto il “no” netto. Dopo mille giorni di governo, Matteo Renzi presenterà quindi oggi pomeriggio le sue dimissioni al Quirinale rimettendo il mandato nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Con la caduta del governo, ora si dovrà capire come procederà la Finanziaria 2017: dopo l’ok della Camera nei giorni scorsi, in Senato le votazioni erano fissate per domani. E all’interno della Finanziaria sono presenti gli incentivi per il verde contenuti nel pacchetto sull’edilizia, che a questo punto è in bilico. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

A Parma c’è la guerra dei kaki

kaki_cassetta505Hanno più di 30 anni i 160 alberi di kaki (Diospyros kaki) piantati a suo tempo lungo le strade dei quartieri Oltretorrente di Parma. E si sa, in questa stagione i ricchi frutti arancioni fanno bella mostra di sé sui rami spogli di questi potenti alberi, come curiosi alberi di natale da mangiare, incantando chi li osserva. Il problema però arriva poco dopo, quando i grossi frutti maturano e cadono ai piedi della pianta, sporcando inevitabilmente i marciapiedi e rendendoli scivolosi. Se si trattasse di alberi coltivati in campagna, i frutti verrebbero immediatamente raccolti per tempo e, se così non fosse, avrebbero sotto comunque un prato, ma nel momento in cui questi alberi da frutto si trovano in un viale di città, il discorso cambia. Considerato il problema, il comune di Parma ha dunque deciso di abbatterli. Ma i cittadini si sono opposti. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Nasce un orto di 3mila mq davanti al Castello Sforzesco

castello_sforzesco_orto505Dopo l’abbattimento delle torri dell’Expo Gate, a Milano occorre realizzare un progetto temporaneo che renda piacevole e bella la piazza su cui si affaccia il meraviglioso Castello Sforzesco: ora con il cantiere aperto, la zona pedonale rischia il degrado. Sorgerà dunque lì l’Orto Planetario, con le piante disposte su aiuole rialzate che occuperanno i 3mila metri quadrati ora sgombri. Intorno all’orto, panchine, percorsi e arredo urbano che rendano pienamente vivibile lo spazio dai cittadini. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Piante che crescono più veloci? Da ora si può!

crescita_girasole505Piante più veloci grazie alla genetica. Alcuni ricercatori ci sono riusciti rendendo più efficiente il processo della fotosintesi: le piante in cui sono stati attivati alcuni geni sono cresciute fino al 20% più veloci delle loro “sorelle” comuni. L’esperimento, che per ora ha solo dimostrato la fattibilità di questa tecnologia, è descritto sulla rivista Science ed è stato condotto da un gruppo di ricercatori internazionali guidato da Johannes Kromdijk dell’Università dell’Illinois. La scoperta potrebbe aprire orizzonti di enorme interesse, in primis nell’ambito del rendimento dei raccolti alimentari e nella produzione di biomasse. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Eleagnus, ecco la siepe sofisticata che profuma a novembre

eleagnus_profumo510Argento e verde sono i suoi colori: niente tinte vivaci, nessuna sbavatura rossa. Un verde particolare invece, a cui sembra che un designer, con stile, abbia dato una leggera mano d’argento, evidente quando viene colpita dal sole. Con foglie coriacee e puntinate e rametti spinosi, è un muro verde con riflessi d’argento: ecco come si presenta l’Eleagnus, una pianta vigorosa ma dal look sofisticato che si presta molto bene alla creazione di siepi potate in forma non troppo basse. Se poi vi dicessi che tra settembre e novembre potete sentirne il profumo per metri di distanza senza sapere da dove proviene? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page