Convegno a Firenze sui giardini tra passato e futuro

“Scienza e tecnica nel giardino tra XIX e XXI secolo”, ovvero “Dalle serre calde al giardino verticale”: è questo il titolo del convegno di studi in programma a Firenze venerdì 26 febbraio dalle ore 9.00 alle 18.00 all’Università Internazionale dell’Arte Villa “Il Ventaglio” (via delle Forbici 24-26). Organizzato dal Centro Studi sul Giardino e il Paesaggio – Uia, con il coordinamento dell’architetto Mariachiara Pozzana. Torna tra i temi di punta del convegno il giardino verticale (ricordate? Ne avevamo parlato qui sul blog).

I lavori del convegno saranno aperti dal presidente di Uia Francesco Gurrieri e dal vicepresidente dell’Ente Cassa Giampiero Maracchi. In programma relazioni di noti specialisti, ecco qualche titolo:

Maria Chiara Pozzana – “Tecnologia e scienza per il giardinaggio – Artigianato d’arte”
Mara Miniati – “Giorgio Roster scienziato, fotografo e creatore di giardini”
Massimo De Vico Fallani – “Il nuovo giardinaggio tecnologico ottocentesco”
Francesco Ferrini – “Le alberature stradali dalle origini alla contemporaneità”
Litta Maria Medri – “Le Serre e i tepidari per le piante esotiche nel Giardino di Boboli”
Anna Lambertini – “Giardini verticali e nuove nature urbane”
Christian Inderst – “La vegetazione nel giardino verticale”
Vittorio Maschietto – “La High Line di New York e il laccio ferroviario di Firenze”
Enzo Paoli – “Tecnologia del tetto verde”

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Convegno a Firenze sui giardini tra passato e futuro

  1. bel convegno…sicuramente interessante l’intervento del Professor Ferrini….Presidente SIA e sicuramente uno degli esperti più quotati a livello nazionale ed internazionale in fatto di alberi.
    Sarebbe interessante segnalare questo intervento anche ai protagonisti della querelle milanese riguardo alle alberature stradali nuove ed esistenti!!!!
    che vengano illuminati sul come procedere nel migliore dei modi?
    stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *