Una balena in Piazza di Spagna

15 metri di balena sulla scalinata della piazza più famosa di Roma, con sotto la scritta: “Le balene non sono in vendita”. E’ questa eclatante inizitiva con cui Greenpeace vuole attirare l’opinione pubblica sul pericolo che corrono le balene. La riapertura della caccia ai cetacei, il cui divieto, in vigore da 24 anni, viene continuamente disatteso da paesi come il Giappone, la Norvegia e l’Irlanda, potrebbe essere sancita alla 62esima riunione della Commissione Baleniera internazionale (IWC) che si apre oggi, 21 giugno, ad Agadir, in Marocco. Il timore di Greenpeace è che le nazioni che hanno interesse alla caccia “comprino” i voti di paesi più poveri, nell’indifferenza degli altri stati. L’associazione internazionale vuole che l’Italia riconfermi apertamente la propria posizione assolutamente contraria.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Una balena in Piazza di Spagna

  1. dovrebbero essere pubblicati con molta evidenza e pubblicità nelle stampe nazionali e internazionali, compresa la rete, i nomi dei singoli politici, oltre a quella dei paesi, che votano a favore della riapertura della caccia alle balene e quella degli astenuti, affinchè gli elettori se li ricordino al momento del voto

  2. Le baleniere anzi hanno affondato qualche battello a protezione delle balene. E’ gente che si nutre della propria sensibilità. Penso che bisogna boicottare i prodotti provenienti da quei paesi che praticano la caccia a questi innocui (e ultimi) giganti del mare, ognuno può farlo personalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *