Le rose mettile nel piatto

Un corso davvero particolare quello che si terrà questo sabato, 9 ottobre, al Museo delle Rose Antiche, vicino a Modena. Si mischiano due temi d’eccellenza: le ricette storiche più raffinate e le meravigliose corolle delle rose antiche dagli incredibili profumi. Per non parlare della cuoca che propone il corso: Giovanna Motta, l’autrice del blog Pronto in Tavola.

Dalle nove e mezza di mattina al pomeriggio inoltrato, i partecipanti avranno l’occasione di cucinare con morbidi petali e poi di gustarsi il ricco pranzo preparato da loro stessi (un’occhiata al menù? Risotto alle Rose di Gabriele d’Annunzio, Coniglio con cacao amaro e petali di Rosa, “Neve” di Rosa…), tornando a casa con il ricordo di una bellissima esperienza in un luogo magico. Da non perdere! Costo: 70 euro a persona. Ulteriori info sul sito del Museo nella pagina dedicata al Corso di Cucina.

Volete un assaggio? Ecco una delle ricette del menù “fiorito” di Giovanna. Con un vantaggio: al contrario di quanto accade quando usiamo le rose in cucina, per questa ricetta del ‘500 inglese non dobbiamo attendere la fioritura. Il che non è poco, e ci permette davvero di fare un figurone sempre e comunque.

RICETTA DELLA “NEVE DI ROSE”

INGREDIENTI  PER 6  PERSONE
1 tazza da the abbondante di panna da montare
2 cucchiai da tavola di zucchero a velo
e 2 di acqua di rose
2 bianchi d’uovo freschissimi
biscottini secchi a piacere

In una terrina montare  panna e zucchero sino a che sìano ben sodi; sembre sbattendo, unite l’acqua di rose (o, se preferite, l’olio essenziale di rosa). Assaggiate sempre per controllare la presenza dei sapori al palato!
A parte, battete gli albumi a neve ferma e poi incorporateli al resto. Portate in tavola in coppette fredde (tenute in freezer sino al momento di servire, come si fa coi bicchierini da vodka), guarnendo poi con petali di rosa (se li avete) ed accompagnando con biscottini secchi. E, ovviamente, accompagnate il tutto con un bicchierino di rosolio!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *