Piracanta, la siepe d’autunno che si riempie di bacche

Centinaia di bacche arancioni, rosse o gialle: è lo spettacolo che crea un arbusto di grande bellezza, il Piracanta (Pyracantha). Si può coltivare in vaso o in terra senza potarlo, e allora diventerà un esemplare vigoroso di grandi dimensioni, bellissimo isolato, oppure utilizzarlo per creare una siepe. Con le sue piccole foglie, il Piracanta ha infatti tantissimi pregi: ottimo per preservare la privacy perché fitto, tollerante al taglio anche forte, e ben “armato” grazie alle numerose spine, può costituire una “barriera” utile e molto decorativa. 

Il Piracanta può costituire una splendida siepe sia in forma libera (a quel punto senza potature diventerà alto anche 3 metri) che tenuto potato in modo formale. Mantenendo le foglie anche d’inverno, è bellissimo tutto l’anno: a primavera fioriesce a mazzetti di piccoli fiorellini bianchi che poi si trasformeranno in bacche grandi come piselli che prenderanno il loro bel colore acceso in autunno. A seconda della varietà, il Piracanta fa bacche di diversi colori: le più diffuse sono Pyracantha ‘Orange Glow’ con bacche gialle-arancio, Pyracantha ‘Mohave’ a bacche rosse e Pyracantha ‘Soleil D’or’ con bacche giallo chiaro. Possono anche essere mixate creando una siepe multicolore, ma in quel caso cercate di scegliere varietà dal vigore simile, in modo che una non predomini sulle altre. Le bacche sono appetite dagli uccelli.

Facilissimo da coltivare, il Piracanta resiste al gelo senza problemi e si adatta a qualsiasi tipo di terreno. E’ importante che la siepe sia esposta al sole, perché in questo modo fiorirà e fruttificherà più abbondantemente: per non compromettere la formazione delle bacche, che si creano sui rami dell’anno prima, attenzione alle potature primaverili che dovranno essere effettuate appena ritorna la bella stagione.

ARCO DI PIRACANTA o PIRACANTA A SPALLIERA?
Un’idea un pò diversa può essere quella di usare quello arbusto così decorativo per creare un arco: considerate le sue spine, mantenete le opportune distanze quando decidete la larghezza. Un’alternativa? Crearne uno, o anche un’arcata, crescendoli addossati ad una parete, coltivandoli a spalliera. Sarà più facile tenerli in forma e avrete una parete verde bellissima, e inoffensiva 😀 – in tutte e quattro le stagioni.

Share on Facebook0Share on Google+5Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

14 risposte a “Piracanta, la siepe d’autunno che si riempie di bacche

  1. Buongiorno la Piracanta potrebbe essere piantata in Africa in terra semisabbiosa ( terra e poca sabbia ) nei periodi caldi acqua poca nei mesi piovosi molta acqua. si và dai 45 gradi ai 20 satgione delle piogge. sono a pianticelle piccole ?
    si devono acquistare quà?
    serve una siepe con spine che faccia da “barriera” , un muro sembrerebbe un carcere, sarebbe un centro per bambini.
    grazie Beltrami

  2. buongiorno io ho comperato un piracanta perché ho inseparabili e un ciuffolotto, ma le bacche sono giallo chiaro e non rosse come mi aveva detto il fiorista, lei puo’ dirmi se posso dare da mangiare anche le bacche gialle? grazie

  3. Salve,vorrei sapere si nel mese di novembre o dicembre e posibile potarla gia que questa pianta e alta piu de 3 metri non vorrei causarle qualche danno ,grazie per la risposta

  4. Salve, ho acquistato due piracanta vorrei sapere quando li posso interrare ed eventualmente se si possono fare e quando delle talee. Grazie

  5. Salve ho notato che le mie piracanta hanno tute le foglie mangiate cosa posso fare?? Un altra domanda.. Ho piantato le piante 3 anni fa in un sottobosco di castagno ma non sono cresciute molto massimo 40 cm in totale cosa posso fare??concime??

  6. oramai è da circa 8 anni che ho 5 piracanta nel mio giardino. Sono adulte e le ho sempre curate a spalliera molto fitta. Il problema è che in aprile si riempiono di fiori che è una meraviglia, stranamente la produzione di bacche (rosse) è quasi nulla e non comprendo il motivo. Quindi un mare di fiori che non si trasformano in frutti. Chi mi può dare una spiegazione? grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *