Leonardo, gli alberi e la matematica

leonardo_alberi520

Uno studio pubblicato dalla rivista Physical Review Letters ha dimostrato che l’osservazione fatta da Leonardo 500 anni fa sul rapporto tra le dimensioni dei rami degli alberi era giusta, e che questa conformazione rigidamente matematica è quella migliore permettere alle piante di resistere meglio al vento.

Leonardo aveva osservato che la somma delle sezioni dei rami ‘figli’ in un albero è uguale alla sezione del ramo ‘padre’ da cui si originano; una regola così accettata intuitivamente da essere usata anche nei disegno di alberi fatti con simulazioni informatiche. Poche erano però le teorie sui motivi di questa conformazione, la più accreditata delle quali era quella legata al passaggio dell’acqua all’interno dei capillari della pianta.

Secondo Christophe Eloy della Aix-Marseille University di Aix-en-Provence, che ha studiato diverse simulazioni delle interazioni del vento con gli alberi, invece la causa della conformazione è un’altra: “L’albero sembra seguire la regola di Leonardo per adattarsi meglio a resistere alla violenza del vento – spiega il ricercatore – questa conformazione è infatti quella migliore per evitare rotture dei rami, un concetto che potrebbe essere usato anche dall’uomo, ad esempio nella progettazione di antenne”.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Leonardo, gli alberi e la matematica

  1. Incredibile.

    La lunghezza dei rami quindi e’ in successione di Fibonacci, ovvero a quella in cui un numero e’ la somma dei due numeri precedenti.

    Allo stesso modo la lunghezza di un ramo piu’ vicino al tronco e’ pari alla somma dei due rami piu’ vicini alle foglie.

    E anche il rapporto tra le lunghezze dei rami, come la sequenza di Fibonacci, tende alla sezione aurea.

    Sembra di leggere il Codice Da Vinci.

    Comunque guardate quante altre proprieta’ hanno i numeri di Fibonacci in botanica:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Successione_di_Fibonacci#In_botanica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *