La guerra dei giacinti d’acqua

Il fiore è blu-viola con macchie gialle, un vero gioiello. Galleggia placida mettendo in mostra le sue foglie lucide e carnose di un bel verde smeraldo dalla forma lobata: questa pianta, se la guardate da vicino, sembra creata da un designer. Tanto bella che tutti quelli che hanno un laghetto, uno stagno o anche solo un acquario, prima o poi, hanno provato a coltivarla. Ma la sua bellezza tropicale nasconde un’anima tenace e agguerrita.

Ne sanno qualcosa in America dove, per debellarla, si sono investiti milioni di dollari. Inserita tra le 100 specie più invasive al mondo, il giacinto acquatico (Eichhornia crassiceps) sta creando fortissimi mal di pancia anche nel Belpaese, forse scappato proprio da acquari, laghetti e giardini. Avvistato in Toscana, da qualche tempo sta conquistando terreno in Sardegna, nella provincia di Oristano, dove è in corso una lotta all’ultima radice per debellare la corposa invasione vegetale.

Il terreno di conquista in ballo è il corso d’acqua vicino ai comuni di Riola Sardo, Zeddiani, Nurachi, Baratili San Pietro, Tramatza e Cabras. Uno straripante solido tappeto verde ricopre per chilometri la superficie dell’acqua: barche che si incagliano, pesci che muoiono. Quella che in pochi esemplari è una benedizione come attiva purificatrice dell’acqua, si trasforma in un baleno in una minaccia. Unico nemico? Il gelo. Ma in Sardegna quel freddo non esiste… Ed è guerra: barche appositamente attrezzate, forconi e stivaloni fino alla cinta per sradicare una marea verde che raddoppia la sua massa nel giro di tre settimane, che si riproduce creando giovani piantine ma anche centinaia di semi, che non prende malattie e ha pochissimi nemici naturali…

La guerra (o solo la battaglia?) sembra vinta, almeno per ora: il fiume è stato ripulito con grande energia. E naturalmente divieto assoluto di coltivarlo in acquari e laghetti. Ma non tutto il male vien per nuocere. Nei giorni scorsi l’assessore provinciale all’ambiente Emanuele Cera ha sottoscritto un accordo che prevede il riutilizzo del giacinto invasore come ammendante naturale in agricoltura. Risultato? 250 tonnellate di giacinti d’acqua diventeranno fertilizzante, perfetti grazie all’elevato contenuto di azoto, e saranno distribuite gratuitamente alle attività produttive della zona. Insomma, da danno, il caro giacinto si è trasformato in vantaggio… 😀

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “La guerra dei giacinti d’acqua

  1. E’ iniziato, tanti anni fa, tutto in Africa nel lago Vittoria, dopodichè si è sparso in tutto il mondo, hanno provato a farci con le loro lunghe radici dei mobili tipo rattan o vimini ma hanno avuto poco successo……………….io li acquistai quel periodo là forse erano una 15ina di anni fa, ma subito me ne disfassi ;-(

    • Disfassi?Da quando si è” disfaciuto” del sillabario?L’acquisto e l’impianto di queste specie infestanti è una follia o meglio un crimine ecologico.L’ eliminazione va fatta solo tramite combustione.

  2. ho comprato oggi in fiera il giacinto d’acqua mi hanno detto di cambiare ogni 15 gg l’acqua e aggiungere un cucchiaio di zucchero,ma e vera questa cosa o una bufala? mi puoi aiutare a far crescere questa piantina ? mi avevano detto che e un orchidea grazie

  3. Risposta per Cinzia

    Il giacinto (appartenente alla famiglia delle pontederiacee), è originario dell’America. E’ stato esportato in Africa dove come giustamente è stato detto su è diventato particolarmente infestante,dato che la temperatura e le sostanze nutritive, ne favoriscono lo sviluppo tutto l’anno.
    Essendo una pianta molto fitodepuratrice, ha la necessità di nutrimento, il cambio dell’acqua e l’immissione di sostanze nutritive sono necessarie per assicurarne la vitalità- che lo zucchero sia una forma di nutrimento ed energia anche immediato è cosa nota, in che misura venga assimilata e sia utile allo sviluppo della pianta, è un dato ancora oggetto di studi. I normali fertilizzanti per le piante (escluso le carnivore), utilizzano azoto fosforo e potassio in percentuali diverse secondo se si vuole incrementare lo sviluppo radicale, foliare o dei fiori. In sintesi, un pò di zucchero (preferibilmente di canna), senza esagerazione, sicuramente darà del nutrimento alle nostre piante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *