Addio mazzolini, per la Festa della Donna piante di mimosa

Sarà perché i fiori recisi hanno vita breve, e ci fanno tristezza quando le allegre infiorescenze gialle come il sole si seccano nel vasetto sulla scrivania. Sarà perché durante i periodi di crisi si cercano le cose durature. Insomma, pare che i rametti di mimosa che tradizionalmente vengono donati per la Festa della Donna non siano più tanto richiesti…

Secondo Giuseppe Felicioni, responsabile dell’azienda Pandaflor, in passato venivano venduti circa 10mila ramoscelli solo in provincia di Ascoli, mentre nei ultimi tre anni la richiesta è diminuita di oltre il 60%. Al contrario la vendita delle piante di mimosa è aumentata di circa il 30%…

Epidemia di pollici “gialli”? Speriamo!
Ricordiamoci solo un paio di cosette importanti: che le mimose crescono bene nei climi dove l’inverno è mite e che quelle che ora sono piante di un metro, fra qualche anno diventeranno …alberi! 😉

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Addio mazzolini, per la Festa della Donna piante di mimosa

  1. Ciao FiorieFoglie, siamo una startup nata da poco.
    Come voi abbiamo la passione per tutto ciò che riguarda la coltivazione (nel nostro caso di ortaggi). Entrando a far parte del nostro network (completamente geolocalizzato) si può condividere il proprio lavoro e scambiare i propri ortaggi, disegnare il proprio orto e pubblicarlo online per aiutarci a vicenda e…perché no? Anche socializzare 🙂
    Se volete potete visitare il nostro sito http://www.growtheplanet.com oppure contattarci via mail info@growtheplanet.com

    Perdonate il disturbo e… let it grow 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *