Malvoni in giardino: fiori tutta l’estate con poca acqua

Siamo abituati a vederli spesso nei campi incolti, dove spuntano con un innocuo mazzetto di foglie che però in estate mette in mostra un’alta spiga centrale coperta di grandi boccioli appuntiti. Con il caldo si aprono in corolle generose, che attirano api e farfalle. Questo è già sufficiente per dimostrarci quanto l’Althea, spesso chiamata “malvone”, sia una pianta di bocca buona, che spesso si ambienta in terra sassosa e ostile, in piena battuta di sole, e si accontenta delle piogge o, in mancanza, di rade irrigazioni. E’ dunque una perfetta candidata per il giardino dei nostri tempi, quello che ha bisogno di poche cure e che si mantiene con quella poca acqua di cui è avara l’estate degli ultimi anni.

Vedere qualche spiga in un campo però non rende l’idea dell’impatto estetico che l’Althea è capace di regalare se piantata in grandi gruppi, con spighe di 1 o anche 2 metri. Per dunque capire cosa può diventare il vostro angolo grazie a lei, eccovi le foto che ho scattato a Cipro in un giardinetto di risulta, di poche pretese ma dal grande risultato. Protagonista assoluta proprio lei, l’Althea, in una ridda di colori dal bianco al rosa al porpora più intenso. Mancava solo la più curiosa, l’Althea nigra, dalle incredibili corolle nere. E’ perfetta anche piantata fitta, per rendere decorativa una rete, per esempio quella dell’orto oppure un muro nudo con poca terra ai suoi piedi. Ottima pianta anche perché super low cost. Non si acquista, ma si semina. Fiorisce in genere al secondo anno e ogni pianta vi regalerà, dopo la lunga fioritura, una ricca riserva di semi gratis!

Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *