La presidentessa del Fondo Ambiente Italiano “sale” in politica con Monti

Ilaria Borletti Buitoni sarà candidata nella lista Monti

Avevamo appena finito di annunciarvi il successo del lancio delle Primarie della Cultura indette dal Fondo Ambiente Italiano, che ecco arrivare fresca fresca una notizia bomba: Ilaria Borletti Buitoni ha annunciato ieri che si autosospende dall’attuale ruolo di Presidente del FAI a causa della sua candidatura alla lista civica del Professor Monti. Di seguito il comunicato ufficiale in cui la Presidente spiega le ragioni del suo gesto:
“Ieri sera è stata resa nota la notizia della mia candidatura nella lista civica del Presidente Monti. Desidero sottolineare che si è trattato di una scelta personale e sofferta perchè, pur trattandosi di una lista civica, mi rendo conto come essa potrebbe dare l’impressione di scalfire l’indipendenza della nostra Fondazione. Perché l’ho fatto allora?”

“Perché credo che queste elezioni siano l’occasione storica per portare in Parlamento persone capaci di promuovere una fase costituente di riforme strutturali di cui il Paese ha bisogno.

Cultura, paesaggio, beni culturali sono ambiti trascurati e maltrattati dall’azione di tutti i precedenti Governi, questo incluso, rendendoli così sempre di più una grande “emergenza nazionale”. Se non si inverte subito la rotta il declino sarà purtroppo irreversibile e non può bastare la protesta, anche se forte, dei cittadini e delle organizzazioni.

Ho scelto una lista civica che rappresenta la società civile per essere libera di esprimere con assoluta indipendenza da qualsiasi partito una posizione non negoziabile sui temi che sono propri del mio impegno al FAI. Vi ho aderito solo a queste condizioni e con queste garanzie. Il Governo attuale aveva un mandato legato all’emergenza economica ed è stato certamente carente, sia per i limiti imposti dal mandato stesso che per il tempo a disposizione, nell’avviare un’azione che riportasse la cultura ad essere quell’ambito prioritario che si richiede a un Paese civile. La mia candidatura dimostra la volontà di cambiare proprio per la mia indipendenza da qualsiasi ingerenza di qualsiasi partito.

Per non creare, però, alcun conflitto con l’attuale ruolo di Presidente del FAI e in attesa delle decisioni degli organi competenti mi sono immediatamente autosospesa da qualsiasi attività operativa e ufficiale del FAI delegando ad esse il Vicepresidente Marco Magnifico e il Direttore Generale Angelo Maramai. Il FAI è e deve continuare sempre ad essere una voce libera”.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “La presidentessa del Fondo Ambiente Italiano “sale” in politica con Monti

  1. Vivo a Pecorara Val Tidone in provincia di Piacenza a 450 metri sul livello del mare. Sul greto di un torrente protetto, il Tidoncello Merlingo, il Comune ha costruito una piattaforma ecologica per il conferimento di rifiuti anche tossici e nocivi come oli vernici e batterie esauste. Pecorara, é un territorio sismico a dissesto idro geologico. Infatti proprio nei pressi della discarica è possibile vedere frane e smottamenti che periodicamente modificano il corso abituale del torrente. Visto che non ci sono più di sei metri di distanza tra la discarica e il torrente, è facile prevedere cosa succederà appena deciderà di saltare fuori allagando la zona. Rifiuti finiranno in acqua, senza contare che anche solo durante il normale svolgimento dell’attività di conferimento di questi rifiuti, qualcosa nell’acqua sta già finendo.
    Qualcuno mi aiuta dandomi consigli su come fare per farla rimuovere? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *