Effetto Trump: un futuro fosco per l’ambiente?

trump_globalwarnig510Ha detto che il cambiamento climatico è  “una bufala inventata dai cinesi per minare la competitività dell’industria americana”. Che l’America dovrebbe ritirarsi dagli accordi della Cop21 di Parigi. Che è intenzionato a ridare impulso all’industria carbonifera, all’estrazione di gas e petrolio. Che taglierà tutti gli investimenti verdi internazionali. Insomma, il nuovo presidente americano appena eletto non ha mai fatto mistero delle sue posizioni che di fatto negano l’importanza del global warming. Per questo in questi giorni nei corridoi della Cop22 a Marrakech gli sguardi sono puntati con forte ansia sulla futura politica del continente a stelle e strisce, insieme alla Cina principale inquinatore ambientale del Pianeta.

Da Parigi Se’gole’ne Royal rassicura: “L’accordo ormai è partito e il nuovo presidente degli Stati Uniti non potrà fermarlo – dice ai microfoni di Rtl -. Nel momento in cui vi parlo 103 paesi lo hanno già ratificato e rappresentano il 70% delle emissioni di gas a effetto serra. Contrariamente a quel che ha sostenuto in campagna elettorale, Trump non può uscire prima di tre anni”. L’accordo prevede infatti che una volta ratificato il protocollo, non si possa abbandonare il progetto prima di quattro anni, con uno di preavviso, ma il timore è che Donald Trump possa sabotare di fatto con le sue decisioni gli impegni presi dall’America.

Laurence Tubiana, negoziatrice francese ricorda però che il 60% degli americani considera il cambiamento climatico un pericolo e ribadisce che ormai, Trump o non Trump, “esiste un importante movimento, in molti paesi, pronto ad agire, e inoltre l’economia che avanza è quella delle energie rinnovabili, delle nuove tecnologie, dei trasporti puliti” e aggiunge: “Credo che un presidente si renda conto di tutto ciò. Quindi, aspettiamo”.

Il presidente di questa 22ma Conferenza sul clima, Salaheddine Mezouar, poi taglia corto: “Le questioni climatiche trascendono i politici e riguardano il futuro del nostro spazio vitale, la nostra dignità oltre che l’unico pianeta sul quale noi tutti viviamo. Ora che l’Accordo di Parigi è entrato in vigore abbiamo tutti la responsabilità condivisa di proseguire, forti del successo ottenuto fin qui”.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Effetto Trump: un futuro fosco per l’ambiente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *