Fiori blu da… mangiare!

Nei balconi e terrazzi stanno iniziando ora le fioriture più belle e sicuramente un protagonista sfuggente quanto ricercato è il fiore blu; grande o piccolo attira comunque l’occhio del visitatore e il resto della pianta passa decisamente in secondo piano. Questo per l’occhio, ma se poi ci si mette la gola, anche fusto e foglie hanno la loro importanza… 😉

Ci sono delle piante semplici, che spesso si trovano nelle aree incolte e trascurate che, a causa dei loro piccoli fiori blu genziana, non possono sfuggire allo sguardo: sono le borraginacee. Di due in particolare voglio parlare qui: borragine (borago officinalis) e buglossa azzurra (anchusa azurea). I nomi popolari, dal suono un pò infelice, non le aiutano a distinguersi ma si tratta invece di piante che possono offrire molto. Già solo i loro fiori con quel colore così vivace, che invecchiando muta in violetto, chiedono un posto in giardino o anche sul balcone, dato che entrambe possono adattarsi felicemente alla vita in vaso, pur che non sia troppo stretto (sui 30-35 sarà perfetto). Quel fresco blu che le contraddistingue si sposa ottimamente con il rosa tenero (delle rose per esempio) o con il giallo e le piccole corolle, create su uno stelo piuttosto alto (sui 50-60cm per la borragine, sui 70 per l’anchusa) guadagnano risalto anche se le  piante stesse, non molto decorative (nell’anchusa azurea durante la fioritura le foglie tendono a rovinarsi), vengono schermate da altro fogliame.

Tenete conto che si tratta di piante perenni che spesso si comportano da biennali o annuali in coltivazione. La borragine si risemina con generosità, pur senza mai divenire infestante quindi l’anno prossimo molto probabilmente ve la ritroverete in qualche vaso. L’anchusa invece – per il giardino gli ibridi (A. ‘Loddon Royalist’, A. ‘Dropmore’, A. ‘Feltham Pride’) tendono ad avere un portamento più gentile – può durare qualche anno in più in terra (anche dove gela in inverno), dove produce spesso dei polloni sotteranei che ributtano a primavera, anche molto distanti dal luogo in cui l’avete piantata in origine.

Sono piante frugali, che crescono veloci (della borragine è facile trovare anche i semi in commercio) e che hanno poche necessità: al sole pieno danno il loro meglio e richiedono poca acqua, pochissima se sono piantate in terra e comunque un ottimo drenaggio. In cambio donano un’irresitibile fioritura che dura a lungo e nel caso della borragine, quasi tutta la pianta può trovare un delizioso posto in cucina… Ma di questo parleremo presto sul blog di Pronti in Tavola!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *