Delicate farfalle dalle …lattine di birra

La farfalla è da sempre simbolo di trasformazione. Metamorfosi. Cambiamento. E che cosa evidenzia di più la trasformazione se non il riciclo, ovvero il riutilizzo di un oggetto o di un materiale che ha apparentemente cessato di assolvere per sempre alla funzione per cui è stato creato? E’ questo il pensiero che si cela dietro alle opere di Paul Villinski, che dalle lattine di birra usate e dai vecchi dischi in vinile è riuscito a ricavare forme di farfalle e uccellini e con essi a comporre “quadri” di una bellezza aerea e leggera, come i suoi protagonisti. L’artista americano è riuscito ad unire il riciclo con l’arte, il rifiuto con il sublime, e i risultati tolgono letteralmente il fiato.

Creando stormi che volteggiano su pareti e superfici Paul, novello Icaro, ricorda all’uomo incollato alla terra il dinamico fascino delle ali. E ci porta per mano in un volo che invita a sollevarsi per ammirare la natura: non solo guardando da fuori ma usando la stanca materia “da buttare”, che andrebbe a contaminarla, per dare bellezza al nostro mondo, mimandone la parte più innafferrabile ed eterea, quella dell’aria, delle farfalle e degli uccelli. Nelle sue mani lattine, dischi e persino guanti spaiati risorgono ad una seconda, nuova vita. Le sue opere sono famose e richiestissime e ci invitano al rispetto di tutti gli esseri viventi, animali e piante, parte fondante del delicato equilibrio del nostro pulsante universo. Sembra imprimere quasi un marchio: “DA TENERE CON CURA”. Rendendo la nostra impronta (ambientale) leggera come quella di una farfalla.

Il sito di Paul Villinski: www.paulvillinski.com

Gallery di Paul Villinski:

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *