Arriva il Tacle, un agrume tutto nuovo

Sembra un mandarino formato maxi oppure un piccolo arancio schiacciato. In realtà il “Tacle” che possiamo trovare sui banchi del supermercato sotto casa è un agrume ibrido, selezionato incrociando clementine e arance (clementina “Monreal” x arancia Tarocco). Già la Clementina a sua volta è frutto di un incrocio simile. 

L’operazione è tutta italiana. Il Tacle è nato nel Centro di ricerca per l’agrumicoltura e le Colture mediterranee di Acireale (CT) ed è stato brevettato nel 2001 ma, da una piccola indagine, mi sono accorta che almeno a Milano il grande pubblico lo ha conosciuto piuttosto di recente.

I vantaggi del nuovo agrume sono parecchi: a partire dal gusto zuccherino all’aspetto, arancio intenso e lucido, alla consistenza molto piena e soda al tocco, fino alla comoda assenza di semi. Il tacle infatti è un frutto sterile perché possiede un corredo genetico triploide (tre cromosomi per ogni tipo). Essendo più grande di un mandarino (ma più piccolo di un’arancia), per le spremute ce ne vogliono di meno. La cosa si compensa con il costo, per quel che ho visto più alto di quello delle clementine. Ma considerando i malanni di stagione, ad una bella spremuta non si può dir di no! 😉

Share on Facebook0Share on Google+4Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

21 risposte a “Arriva il Tacle, un agrume tutto nuovo

  1. ho trovato le TACLE alla COOP. sono stupende e soprattutto succose e buonissime. purtroppo le ho trovate solo una volta e poi basta.

  2. Sono d’accordo con Delia. Le TACLE che anch’io ho acquistato alla COOP sono molto belle e succosissime!!! Che goduria per il palato e direi anche per il portafoglio! A parte l’ironia ne acquisterò ancora, poiché le ho gradite immensamente. Un succoso saluto

  3. Acquistate ieri coma “novità” al Poli (Supermercati che sono una potenza in Trentino, ma non penso siano conosciuti fuori).
    BUONISSIMI!!
    Pratici da sbucciare e dalle fattezze di una clementONA, sono succosi e più dolci di un’arancia!

  4. Sembrano di cartone!!!! E pagate 1.88€ Al kg da Carrefour… Mentre le clementine costavano 0.89€ al kg!! Sarà sfortuna ma é la terza volta che da carrefour trovo frutta indecente!!

  5. Dovrebbero esserci tutto l’anno, è un frutto eccellente, dolce , succoso e sostanzioso, ed è anche un ottima alternativa alle clementine e/o mandarini che a tutt’oggi non sono stati per niente buoni

  6. Interessante quanto scrive Pilade: “ma e’ indispensabile trattarle con E901 E904”.
    Per le Tacle vedo elogi e stroncature.
    Mio giudizio: ottime se conservate bene, invece cattive quando iniziano a marcire.
    Mi pare che questo frutto abbia seri problemi di conservazione: quando ne acquisto una confezione c’e’ sempre almeno un frutto marcio. Questo mi accade con le Tacle prese sia all’Esselunga che alla Coop.

  7. Oggi le ho comperate x la prima volta,era un po’ che le addocchiavo.
    devo dire che per me sono state un’ottima sorpresa,sono buonissime.
    Complimenti a chi ha avuto l’idea di incrociarle.

  8. salve a tutti, io il Tacle lo conosco da almeno due anni. è un frutto molto succoso e dolce le mie figlie lo mangiano volentieri. per la conservazione non ho mai avuto problemi tranne quando ne trovi uno che è stato bucato da un rametto cosa peraltro che succede con tutta la frutta.

  9. Lo prendo ogni anno da un fruttivendolo che ha una campagna in Sicilia quando ormai le clementine cominciano ad andare fuori stagione.molto buone e succose.ho provato quelle della coop ma non c’e paragone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *