Europa Cup 2016: Il fiorista più bravo d’Europa è ungherese

europa_cup_vincitore2

Si è conclusa sabato 9 aprile a tarda sera a Genova ai Magazzini del Cotone la sfida tra i migliori fioristi in circolazione: in premio l’ambita Coppa Europa Fioristi 2016 che ha sancito quest’anno la vittoria schiacciante dei professionisti dei paesi dell’est e del nord. Sul podio infatti è salito il fiorista ungherese Tamás Mezőffy, mentre al secondo e terzo posto si sono piazzati rispettivamente il russo Roman Steinhauer e Pirjo Koppi, dalla Finlandia. Per l’Italia una delusione purtroppo: il campione Emiliano Amadei si è distinto solo nella “Parata Floreale di Sanremo”, prova di decorazione floreale con l’addobbo di una Fiat 500 d’epoca, in cui si è piazzato al quinto posto, anche se ha conquistato il cuore della stampa estera con la sua simpatia!

europacup_vincitore1

Le altre 5 sfide della Coppa Europa organizzata da Florint.org (associazione internazionale di settore che rappresenta oltre 100mila fioristi nel mondo) in cui si sono cimentati i floral designer in gara sono state: “Pasta, Pesto e Fiori”, con i sapori liguri trasformati in composizioni floreali, “Matrimonio in Vespa”, ventitré spose, sedute su altrettante famose moto Vespa da vestire di fiori, “Piante e fashion”, per la quale i fioristi si sono improvvisati stilisti di alta moda uomo, “Amore e Lussuria”, con il bouquet più spettacolare e infine “Primavera a Sorpresa”, ultima prova segreta “on demand”. Le foto della manifestazione sono visibili sui post della Pagina Facebook dell’Europa Cup 2016.

europacup_amadei200

Il Fiorista Amadei

La Coppa Europa dei Fioristi si è svolta su un’area espositiva di 12mila mq ed è stata la più grande edizione della coppa Europa di arte floreale: si è dimostrata comunque un’occasione di visibilità molto importante per Genova e la Liguria in attesa del ritorno di “Euroflora” nel 2017. Un incentivo a fare ancora di più la prossima volta 😉

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *