Vino in serra: il Canada ci prova

vino_vite_serra520Vino prodotto da viti che crescono al chiuso, tra i vetri di una serra. E’ la sfida dei canadesi, che si confrontano con inverni freddi e una stagione di crescita delle viti per uve da vino troppo breve. Seppur giudicati di buona qualità, la produzione dei vini canadesi soffre di una bassa resa: per aumentarla si sta sperimentando la coltivazione indoor, che permetterebbe un prolungamento artificiale della stagione “calda” in condizioni stabili e controllate, e renderebbe più semplice l’applicazione di metodi di agricoltura biologica. Il vino in serra è opera di Mehdi Sharifi, ricercatore in agricoltura sostenibile e professore alla Scuola per l’Ambiente della Trent University. E i risultati sembrano promettenti.

La prima raccolta sperimentale dell’uva cresciuta in serra ha rivelato nei grappoli un livello di zucchero più alto del previsto e pH e acidità adatti alla produzione di vino. Le serre sono in grado di simulare la stagione ideale per la crescita delle viti lungo tutto l’arco dell’anno, e ridurre il tempo necessario ai nuovi vigneti  per entrare in produzione.

“Abbiamo scoperto che le viti possono crescere da due a tre volte più in fretta rispetto all’aperto. Possiamo anche simulare l’equivalente di due o tre stagioni di crescita all’anno, in modo da portare nuovi vigneti in produzione solo in uno o due anni – spiega Sharifi “Questo raddoppia o addirittura triplica i rendimenti annuali, compensando il costo aggiuntivo della serra necessaria per la produzione indoor”.

Un fattore chiave? Il terreno di coltura: Sharifi ne ha creato uno speciale, studiato espressamente per la vite e arricchito con sostanze naturali per permettere alle piante di crescere rapidamente in ambienti chiusi: “Abbiamo creato e testato una formula che sembra funzionare alla grande e fornisce sostanze nutritive alle viti per un lungo periodo di tempo“. Sostenuta dal Natural Sciences and Engineering Research Council, la tecnica sperimentale di Mehdi Sharifi potrebbe aprire nuovi scenari nella produzione vitivinicola di paesi sfavoriti. in cui le avverse condizioni climatiche limitano pesantemente le rese produttive di uve da vino.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *