Per minacciare il sindaco tagliano 400 alberi di bergamotto

bergamotto510400 alberi di bergamotto, proprietà del Sindaco di Bruzzano Zeffirio, piccolo comune della Calabria che conta 1200 anime, sono stati tagliati nella notte del 31 ottobre. Non sono stati individuati i responsabili ma le autorità sospettano si tratti di un atto intimidatorio da parte della mafia. Il messaggio criminale tocca nel cuore gli abitanti del Comune danneggiando il bergamotto, uno dei più potenti simboli della terra e della cultura calabrese (ebbene sì, oltre al peperoncino c’è di più!). Sembra che il gesto criminale sia una reazione all’attestazione di legalità del Sindaco Francesco Cuzzola, che aveva attribuito ai Carabinieri poche ore prima un riconoscimento di merito per il sostegno alla popolazione durante l’alluvione del 2015. La Coldiretti calabrese ha però già in mente la contromossa: ripiantare i 400 alberi, con in più altri 9….

Alberi da frutto tagliati, un gesto da poco? Non proprio. Il frutto del bergamotto, simile ad un limone ma in cui sono stati ritrovati 350 diversi componenti chimici, è un piccolo gioiello: la sua essenza è sempre più richiesta in tutto il mondo, e non solo dall’industria dei profumi e da quella della pasticceria. Di recente stanno emergendo utilizzi del bergamotto anche legati alla salute, in particolare per i suoi benefici a favore del cuore e contro il colesterolo.

L’antico e profumatissimo agrume però viene prodotto per il 90% solo in un piccolo fazzoletto di terra, un centinaio di chilometri nella provincia di Reggio Calabria graziato da un particolare microclima: 1500 ettari di agrumeti che forniscono mediamente 200 mila chili di bergamotto all’anno. Un preziosissimo patrimonio agricolo e culturale del Belpaese che deve essere protetto e difeso, e in cui la mafia non può allignare.

Secondo Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti Calabria, è dunque fondamentale dare un segnale importante contro la paura e la pesante oppressione delle organizzazioni criminali: “Sradicare oggi questa zizzania è un imperativo” – dichiara Molinaro, “Il bergamotto sarà sicuramente ripiantato e ogni pianta messa a dimora porti il nome di ognuno dei 409 comuni calabresi, quante sono le piante tagliate: un segno immediato e una visibile azione di contrasto, ma anche di speranza, di tutta la regione”.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Per minacciare il sindaco tagliano 400 alberi di bergamotto

  1. Complimenti, onore e gloria alla Coldiretti che con il suo gesto da uno schiaffo meritato in faccia alla mafia o andrangheta. Chiamatela come volete ma sempre pezzenti sono. Gente che pensa solo ad opprimere la gente e a quello che fa di buono. Gente che vuole vivere nell’oscurantismo dato che a loro il progresso non conviene. Mentre l’ignoranza della gente si può opprimere con più facilità. A chi ha tagliato le piante bisognerebbe identificarli e tagliare loro gli attributi. Sarebbe bello vedere in giro tanti bei finocchioni con la pistola in mano e l’aria di bullo. Sarebbe uno spettacolo da filmare e mandare a Sorrentino. Potrebbe aggiungerlo a quell’ obbrobbio del “The young pope”. Magari trova come farli assolvere dal giovane Papa.
    Basta così : onore al Sindaco e alla Coldiretti. Fortunatamente esistono in Calabria ancora persone civili.
    Complimenti a loro e a tutti quelli che la pensano come loro.
    G.M.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *