Neve, siccità e vento: a rischio animali, alberi e raccolti

Tre grandi pini si sono schiantati a Rapallo a causa dell’imperversare di un maltempo lungo tutto lo Stivale in questo inverno contraddistinto da fenomeni climatici estremi. Neve e raffiche di vento stanno percorrendo tutta l’italia, causando enormi sofferenze per uomini, animali e piante: in Centro Italia questa notte si sono registrate 80 scosse. Amatrice coperta dalla neve chiede aiuto, mentre serre e stalle crollano sotto il peso della neve. Nei campi ghiacciano gli ortaggi – secondo Coldiretti i danni superano i 300milioni di euro – l’acqua si congela nelle condutture e gli animali muoiono per il troppo freddo, mentre gli alberi indeboliti si schiantano, a volte tra strade e case, sotto il peso della copiosa neve.

Per la sicurezza dei cittadini i Comuni di Santa, Rapallo, Chiavari e Sestri Levante hanno chiuso i parchi pubblici fino al 20 gennaio mentre il vento ha abbattuto querce secolari e pini in Maremma. A Grosseto, in città, sono cadute piante in pieno centro abitato: alcune vie sono state interdette al traffico. Molti i rami pericolanti. La bora a Trieste registra raffiche da 140 km/h. Vento forte anche in Toscana: il grecale ha raggiunto i 110km/h nel Fiorentino. Neve anche sui rilievi appenninici ed intorno a Firenze.

Le basse temperature hanno costretto il Comune di Genova ha chiudere la fontana di piazza De Ferrari, uno dei simboli cittadini poiché gli spruzzi spinti a terra dal vento hanno creato una lastra di ghiaccio sulla piazza. Al lavoro 300 tecnici Enel nelle Marche per i forti i guasti alla rete elettrica causati principalmente dalla formazione di manicotti di ghiaccio intorno ai conduttori e dalla caduta di alberi ad alto fusto situati al di fuori della fascia di rispetto della distanza dalla linea elettrica. A Chieti il sindaco fa un appello chiedendo ai cittadini di non camminare sotto gli alberi, che in questo momento possono rappresentare un pericolo perché molti ormai in situazioni critiche.

Se il Centro e il Sud lottano contro la gelida imprevista coltre bianca, il Nord soffre una siccità anomala che mette a rischio le coltivazioni. Piogge quasi azzerate in Piemonte, Val d’Aosta e Friuli Venezia Giulia. In Liguria gennaio ha segnato il 79,4% di acqua in meno. In Veneto – segnala la Coldiretti – l’assenza di precipitazioni mette in pericolo i raccolti di radicchio a marchio Igp, oltre agli altri ortaggi invernali, dai cavolfiori alle verze, fino ai broccoli. 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *