Potature fuori controllo: gli arboricoltori non ci stanno

Adesso basta, hanno detto. “Basta con la capitozzatura degli alberi, basta con l’improvvisazione e con gli interventi che anziché valorizzare il verde urbano, lo distruggono”. Sono le parole degli arboricoltori, quelli insomma che si prendono cura degli alberi per mestiere. E che guardandosi intorno, assistono furiosi alle scioccanti potature degli alberi che si praticano in questi giorni in molti i Comuni italiani e che lasciano, dietro di loro, una fila di alberi agonizzanti, ridotti ad attaccapanni, moncherini pieni di amputazioni che a guardarli, non ne riconosci più nemmeno la forma. Una delegazione si è dunque riunita a Giussano sabato 4 febbraio, dopo l’ennesimo scempio, per chiedere conto di questo danno al Comune. Dietro di loro, una massa di aziende, docenti universitari, aziende del settore, tutti molto, molto arrabbiati.

Sorretti da certificati professionisti, in 30 si sono presentati, caschetto e pezzi di legno dimostrativi in mano, alla porta degli amministratori pubblici. A chiedere perché si continua ad uccidere gli alberi. Eh sì, uccidere. Perché quelle larghe ferite “a fetta di salame” lasciate da una motosega senza perizia è a quello che portano. Accorciano la vita degli alberi permettendo l’ingresso di batteri e parassiti, irrigidiscono la struttura vegetale e possono minarne la stabilità. Con il rischio che poi cadano sulla testa di qualcuno, come è accaduto a Catania, e alla sbarra ci finisce il Comune. I social sono tappezzati di immagini di alberi orribilmente sfigurati. E’ il risultato di un lavoro a basso costo affidato spesso dal Comune a chi quel lavoro non sa farlo. Stufi, gli arboricoltori professionisti non vogliono più stare a guardare.

E la loro denuncia si basa sulla consapevolezza crescente del valore del patrimonio arboreo per la salute di chi abita nelle città. Andrea Pellegatta, parte della delegazione, ricorda che gli alberi sono un ottimo investimento: a fronte del costo di manutenerli, c’è quello che riceviamo da loro: ossigeno, assorbimento della co2 e delle polveri sottili, ombra ecc. E di queste cose è stato stimato il valore. Economico. “Annualmente, a fronte di 1 euro investito nel verde, ne possono rientrare, a seconda dei casi citati dalla letteratura scientifica, da 1,3 a 3,07”. Insomma, sull’utilità degli alberi per le città non abbiamo più dubbi. E sul danno biologico prodotto da questi interventi, nemmeno.

La coscienza su questo tema aumenta di giorno in giorno. E intervenire in modo errato sugli alberi ha un costo pesante per i Comuni, sociale ed economico. Che sempre più rischiano di sentir bussare alla porta gente arrabbiata dotata di caschetto da arboricoltore e di tante, troppe ragioni.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Potature fuori controllo: gli arboricoltori non ci stanno

  1. Assolutamente d’accordo!
    Bisogna fermare questo massacro che va avanti da anni ormai.
    Non sono solo le amministrazioni pubbliche a far fare questi scempi; sono anche i privati.
    Alberi ridotti a pali nudi, abeti con i rami “bassi” tagliati via (“bassi”…fino a due metri di altezza!). Per “alleggerire”la pianta, dicono.. Poi pero’ non si fa nulla se l’edera comincia a salire lungo il tronco!. E non serve a niente protestare con l’amministratore o con il vicino macellaio.
    Ci vorrebbe una legge che impedisse questi scempi!

  2. Roba da non credere! quando sono tornato a casa e ho visto lo scempio dei miei alberi in giardino, ho detto a quell’essere a cui avevo commissionato il lavoro, ” Mi scusi, ma è sicuro di essere un giardiniere? e adesso immagino che voglia anche essere pagato, Campa cavallo….
    Se mi fa causa, mi faccio pagare anche i danni morali!!!!

  3. Sono assolutamente d’accordo però quello che mi chiedo e chiedo chi sono quelli che devo decidere se un albero deve essere sacrificato? Nella mia zona stamane 5 alberi sono stati tagliati , ho chiesto il motivo risposta : le radici dell’albero in un fontanile non sono sicure.

  4. Sono pienamente d’accordo e motivato ancora di più dopo la visione della super capitozzatura del viale di Grassina a Firenze. Addirittura,oltre a dimezzarli in altezza e larghezza rendendoli ridicoli,hanno fatto dendrochirurgia,tagliando a v sotto a i buchi compartimentati dall’albero ormai da anni x far scolare via l’acqua. Ogni giorno migliaia di persone passano di li.pazzesco che nessuno li abbia fermati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *