Ministro Del Rio: saldo per gli ecobonus positivo, vanno rafforzati e allargati

Sono utili allo sviluppo e funzionano: in merito agli ecoincentivi per la casa, il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, in audizione sull’ecobonus alla commissione Ambiente della Camera, ha spiegato che le stime indicano un saldo positivo per lo Stato “di 8,8 miliardi di euro” e che le agevolazioni fiscali in ambito edilizio sono state usate in questi 20 anni per circa 16 milioni di interventi dal 62% delle famiglie italiane. Per Del Rio occorre quindi rafforzare e rendere più efficaci nella legge di bilancio le misure che favoriscono un’edilizia legata alla sicurezza antisismica, all’ambiente, alla qualità della vita urbana. Ci sarebbe dunque spazio anche per un ecobonus legato al verde, forte strumento di contrasto all’inquinamento dell’aria e dell’acqua.

La volontà politica di allargare al verde urbano le agevolazioni fiscali è confermata anche da Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati, che precisa la necessità di adottare misure importanti sia per rendere le case più sicure che per rendere più salubre la vita di chi abita in città aumentando il numero di alberi e piante, vitali per la loro azione anti-smog. “Basti pensare al pesantissimo prezzo in vite umane e danni materiali che paghiamo per l’inadeguatezza delle nostre costruzioni rispetto ai terremoti o alla necessità di contrastare i mutamenti climatici e alle morti anticipate dovute all’inquinamento delle città“, sottolinea Realacci, secondo cui il momento è fertile per la nascita di un’edilizia nuova, green sì ma soprattutto verde.

“L’edilizia – prosegue il politico – è il grande malato della nostra economia ed ha perso circa 600mila posti di lavoro nella filiera dall’inizio della crisi. Secondo i dati del servizio studi della Camera dei Deputati e del Cresme quest’anno le varie forme di incentivazione (credito di imposta, ecobonus, sismabonus) produrranno 28 miliardi di investimenti e circa 400mila posti di lavoro fra diretti e indotto. Una nuova edilizia che, grazie anche alle nuove tecnologie, può rilanciare il settore e far respirare i nostri polmoni e le nostre città.”

Sul tema del bonus per il verde si è tenuto a Montecitorio mercoledì 27 settembre “Paesaggio chiama Politica”, un convegno (la diretta su Instagram qui) dove i relatori hanno messo in luce il ruolo principe sostenuto dalle piante nella lotta alle polveri sottili, in grado di creare patologie croniche e gravi a carico dell’apparato cardio-circolatorio e respiratorio di chi abita nelle grandi aree urbane.

Il tema ambientale si sposa del resto perfettamente a quello della tutela del territorio: al Senato è stata approvata proprio in questi giorni la legge che prevede “Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli Comuni”, mentre a gran voce si chiedono da più parti incentivi per il turismo sostenibile e le auto elettriche. L’ambiente insomma potrebbe rivelarsi la leva che serve per far ripartire, con il bollino blu, l’intasato motore italiano.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *