10 piante per portare i tropici nel verde di casa!

Il caldo tropicale dell’estate 2019, intervallato da temporali “caraibici”, ci ha segnalato con chiarezza che il clima è cambiato e che occorre rivedere anche il verde che ci circonda, scegliendo per terrazzi e giardini le piante che meglio tollerano il caldo intenso. Una scelta che offre vantaggi sul piano estetico, con piante più generose e più fiorite, che emotivo: il verde “tropicale” intorno a noi crea una sensazione rilassante, evoca i viaggi in terre lontane, accoglie con colori e forme strabilianti e accontenta chi desidera qualcosa di insolito e curioso. Ecco 10 piante dal look tropicale da coltivare in vaso che gli esperti dei Garden Viridea ci suggeriscono di provare!

1. IBISCO CINESE
I suoi grandi fiori in colori caldi durano solo un giorno ma la pianta ne produce tanti e, se trova un ambiente caldo, umido e luminoso, supera l’inverno rifiorendo spesso anche in casa.

2. BANANO ORNAMENTALE
Le sue foglie sono perfette per ricreare l’effetto di una foresta tropicale. Esistono anche varietà con foglie striate o rossastre, molto decorative. Ama le zone parzialmente ombreggiate.

3. LANTANA
I fiorellini colorati di questa pianta sudamericana sono instancabili e continui fino al tardo autunno, buona resistenza alla siccità, ama il pieno sole.

4. CANNA D’INDIA
Dal bel fogliame emergono i grossi fiori gialli, arancioni o rossi, anche screziati e maculati. Per il pieno sole, pianta molto facile.

5. DIPLADENIA
I magnifici fiori di questa pianta brasiliana dal bel fogliame, sbocciano numerosi, in mezzombra (l’ideale è sole alla mattina). I tralci rampicanti vanno fatti salire su corde, reti o grigliati; le varietà nane e compatte si coltivano anche in cassette alla ringhiera e sui davanzali. Richiede umidità nel terreno e sul fogliame, da spruzzare regolarmente con acqua per conservarlo fresco e sano.

6. PASSIFLORA
Viene dalle foreste dell’America centrale, esiste in molte varietà con fiori stranissimi (è nota anche come “fiore della passione).
I rami rampicanti vanno fatti salire su grigliati o reti.

7. PALME NANE
Sono perfette per evocare gli ambienti mediterranei e subtropicali. Tra le più facili e resistenti ci sono la palma di san Pietro, la Chamaedorea (che vive bene in appartamento, in inverno, in piena luce) e la Kenzia, molto resistente.

8. NOCE DI COCCO
È proposta come pianta da interni, vive bene all’aperto in estate, in vasi profondi e ben irrigati, in posizione parzialmente ombreggiata.

9. CYCAS
Spesso confusa con le palme, è di origine africana e asiatica ed è più affine alle conifere che alle palme; pianta di origine antichissima, forma foglie spettacolari.
In inverno va protetta dal gelo.

10. THUNBERGIA
Esiste in due tipologie: Thunbergia alata, con fiori gialli dal cuore nero, e Thunbergia grandiflora, rampicante vigorosa con fiori azzurri-violetti. Entrambe queste piante gradiscono una posizione soleggiata di mattina o nel tardo pomeriggio ma riparata dal sole forte del mezzogiorno.

Con poche attenzioni, queste piante generose porteranno sotto i nostri occhi il fascino, le storie e le emozioni di mondi lontani. Dipladenia, Thunbergia alata e Lantana potranno anche sostituire i soliti gerani che, tra l’altro, quando le notti estive sono molto calde, entrano in sofferenza e fioriscono poco. Non perdete di vista questi suggerimenti per l’estate del prossimo anno; organizzando per tempo il vostro giardino o terrazzo tropicale, lo avrete in piena fioritura anche in agosto, settembre e fino ai primi freddi di ottobre.

TROPICI SUL BALCONE – I consigli di Viridea

  • Le piante tropicali in vaso daranno il meglio se sono in contenitori profondi; dove c’è poco spazio meglio sfruttare i vasi alti e conici o quelli angolari, per arredare con praticità ed eleganza.
  • Per conservare il vigore è indispensabile concimare con un prodotto liquido universale o per piante da fiore, ogni 10-12 giorni, sempre su terriccio non del tutto inaridito e preferibilmente la sera tardi o la mattina presto.
  • Periodicamente è consigliabile somministrare anche un prodotto rinvigorente, per esempio un biostimolante, che rigenera il vigore piante colpite da stress di origine climatica (elevato calore, squilibri idrici, piogge forti e grandinate, ecc.).
  • L’impiego regolare ogni 15 giorni di un prodotto a base di propoli sarà utile per attivare le difese naturali delle piante nei confronti di insetti, funghi, batteri e virus
  • In caso di assenza per brevi periodi, è indispensabile munire le piante di un sistema di irrigazione, che può essere semplice (per esempio un apposito cono irrigante da applicare su bottiglie di plastica) oppure un kit automatico, collegato a un rubinetto o a una cisterna di acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *