Patiti degli ortaggi? C’è “Ortogiardino”

Alla 32° edizione di Ortogiardino, manifestazione in corso dal 5 marzo fino a questa domenica 13 marzo alla Fiera di Pordenone, tanto da vedere per gli appassionati di ortaggi e verdure. L’orto infatti è il tema principe del “Giardino delle meraviglie” (al Salone degli arredi e decori per giardini e terrazze allestito al padiglione 9), grande orto con in mostra le coltivazioni tipiche delle 4 stagioni climatiche (pomodori e melanzane d’estate, radicchio d’inverno, asparagi in primavera e la zucca in autunno solo per fare un esempio) che invita i visitatori a riscoprire o approfondire il piacere di coltivare da sé sul terrazzo o dietro casa. Una dimostrazione di come l’orto possa accomunare il buono col bello, l’utile con il dilettevole, la salute con il portafoglio.

Tutti i prodotti utilizzati nell’allestimento degli orti (vasi, fioriere, attrezzature per la coltivazione, arredi da esterno, oggetti artigianali tradizionali) sono immediatamente acquistabili presso le 50 aziende espositrici che hanno il loro stand proprio attorno alle coltivazioni e che presentano un’offerta ampia e originale con articoli provenienti da diverse regioni italiane (Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Puglia, Veneto, Toscana, Trentino, Emilia Romagna, Liguria e Marche) e da paesi europei (Francia) ed extraeuropei (Tunisia).

Dopo il pienone registrato nel primo week-end di marzo, tanto pubblico tra gli stand di Ortogiardino. “Registriamo un trend in crescita dei visitatori rispetto allo scorso anno – dice Alvaro Cardin, presidente di Pordenone Fiere – segnale che la manifestazione di quest’anno è particolarmente apprezzata per i tanti giardini e spazi verdi che hanno trasformato il quartiere fieristico in un’oasi di benessere e in una festa di colori e profumi”. Biglietto d’ingresso per Ortogiardino: intero 8 Euro, gratuito per ragazzi fino a 13 anni. Orari: giorni feriali dalle 14.30 alle 19.30, sabato e domenica dalle 9.30 alle 19.30. Altre info su: www.ortogiardinopordenone.it

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *