Lampadine a risparmio nel misto? No grazie!

Se avete sostituito tutte le lampadine di casa con quelle nuove a risparmio energetico, come Fiori&Foglie vi ha a suo tempo suggerito, salvando ambiente e portafogli, andrete prima o poi incontro alla loro inevitabile sostituzione. Quando dunque le nuove, risparmiose, ma non eterne, lampadine passano a miglior vita, cosa fare? Nessun problema, direte, le buttiamo nel misto… Ahi ahi!! Ebbene sì, con questo gesto in un sol colpo avete perso tutti i “punti ecologici” faticosamente conquistati 😉 Ecco perché…

Le lampadine e i tubi fluorescenti contengono mercurio. Se non vengono adeguatamente trattati, il mercurio finisce nella terra, nelle acque e poi in mare, avvelena i pesci, i molluschi e chi li mangia (che poi, ehm, siamo noi!). Per fortuna però le nuove lampadine possono essere riciclate fino al 95% e il mercurio può venire smaltito senza danno per l’ambiente. Come? Esiste una apposita associazione senza scopo di lucro, composta delle aziende produttrici, che si occupa di sovrintendere al corretto smaltimento delle lampade fluorescenti: il Consorzio Ecolamp (www.ecolamp.it)

Come si fa quindi a smaltire correttamente la vecchia lampadina?
Semplice: dobbiamo portarle al più vicino centro di raccolta comunale o isola ecologica, presso i quali troveremo gli appositi contenitori del Consorzio Ecolamp. Da quel momento ci penserà il Consorzio, incluso il trasporto e lo smaltimento presso gli impianti specializzati.

Problemi a localizzare il centro di raccolta piu’ vicino?
In Rete, sul sito del Centro di Coordinamento per la Raccolta dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), trovate un apposito motore di ricerca per trovare il punto di raccolta più vicino a voi: MOTORE DI RICERCA RAEE

C’è anche un’altra alternativa.
Dall’anno scorso potete portare le vecchie lampadine ormai esaurite presso i punti vendita dove comprerete quelle nuove. Per ogni lampadina comprata, potrete lasciarne una “morta”.

Attenzione: tutto questo vale solo per le lampade fluorescenti compatte e i tradizionali tubi al neon. Le lampadine a incandescenza alogene e quelle a led possono essere buttate con la raccolta differenziata, in base alle norme del vostro comune. Tutto chiaro? Dai che possiamo farcela: riguadagneremo i nostri “punti ecologia”, e con gli interessi!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Lampadine a risparmio nel misto? No grazie!

  1. Tutto giustissimo!

    Una sola precisazione però: le lampadine a basso consumo contengono mercurio ed è questa la ragione per cui è necessario che tutti iniziamo a farne la raccolta differenziata. Una lampadina fluorescente contiene da 1 a 5 milligrammi di mercurio, una quantità visivamente grande come un puntino lasciato da una biro su un foglio di carta. Nulla a che vedere con i 500 mg dei vecchi termometri.

    Essendo il mercurio una sostanza tossica, il suo utilizzo nei processi industriali dove è consentito (come nell’illuminotecnica) è minimizzato.

    In ogni caso fare la raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste è una buona pratica ambientale che dovremmo iniziare a fare tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *